Utente
Salve gentilì dottori, volevo espormi il mio problema.

ho avuto un rapporto ad alto rischio mst.
Ho avuto diarrea per un mese e due giorni di pesante mucorrea.
Avendo effettuato un check up per le malattie sessualmente trasmissibili con annesso tampone uretrale (Negativa) e spermiocoltura (positiva alla Klebsiella), ma mi sorge un dubbio.
Ho ricevuto del Rimming e quindi non avendo fatto ne un tampone rettale ne un esame delle feci, volevo sapere se tipo la gonorrea potevo averla presa nel retto e se questi ultimi due esami citati possono riscontrarla.
Volevo anche sapere se là mio orchiepidemite potesse essere collegata con questo oppure con la Klebsiella.

Grazie mille

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Quanto lei ci scrive è molto confuso e di difficile interpretazione. Non esistono malattie sessualmente trasmesse che si manifestino solo con disturbi tipicamente intestinali, diremmo quindi che questa sia una manifestazione a se stante, certamente meritevole di attenzione ma nella,sede specialistica adeguata (gastro-enterologia). La presenza di una funzione intestinale alterata può indurre facilmente false positività negli esami colturali di urine e liquido seminale, pertanto ci andremmo molto cauti nella loro interpretazione e soprattutto nell’eventuale somministrazione di antibiotici, che potrebbe essere inutile se non addirittura controproducente. A distanza è impossibile dire molto di più, le raccomandiamo di sottoporsi alla visita diretta di un nostro collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la
risposta, mi scuso se ho fatto un po’ di confusione.
Ho avuto una rialzamento sulla punta del pene con prurito al lavaggio comparsa dopo 20 giorni è scomparsa dopo 15 giorni e con rossore circostante. Il mio urologo mi ha detto che era balanopostite micotica curata con pevaryl. Diarrea come ho detto sul primo consulto.
Poi ho avuto ed ho tutt’ora un orchiepidemite da ben 4 mesi.

Questi sono gli esami effettuati:

Tampone per ricerca micoplqsmi (effettuato da solo) negativo

Tampone Chlamidia (effettuato da solo) negativo

Tampone HSV 1/2 ( effettuato da solo) negativo

Gonorrea (effettuato da solo) negativo

mycoplasma hominis (effettuato da solo) negativo

Ureaplasma urealiticum ( effettuato da solo) negativo

Trichomonas vaginalis (effettuato da solo) negativo

Ematici
Hiv 1/2 negativo
Epatite A-B-C negativo
TPHA negativo
VDRL negativo
Herpes simplex 1/2 negativo
Urine e urinecolture negativo
Spermiocultura positivo alla Klebsiella antibiotico poi al eterococco feacalis antibiotico poi sempre Klebsiella con sempre annessi antibiotici

Il mio dubbio è:
-non ho fatto qualche esame?
-i tamponi effettuati da solo possono essere veritieri oppure li devo rifare?
-quali sono le differenze tra spermiocultura e tampone?
Grazie mille per l’attenzione

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Di esami ne ha fatti forse anche troppi, sono tutti negativi ed è bene così, allla spemicoltura isolatamente positiva non badi in assenza di altri disturbi significativi. E' molto facile che il campione di liquido seminale si contamini all'emissione con germi di origine intestinale che colonizzano in modo innocuo la pelle dell'area genitale. Tanto più se vi sono stati recenti disturbi intestinali.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille dottore per la sua risposta.
Per l’orchiepiddemite che ho tutt’ora dopo questo rapporto a cosa la devo associare visto che l’unico esame dove riscontro qualcosa è quello e vedo che passa nonostante i ripetuti antibiotici.
Per i tamponi che ho effettuato da solo, dovrei ripeterli facendomeli fare da un professionista oppure no?
Grazie per la disponibilità

[#5]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Non è assolutamente detto che vi sia ancora infezione nell'epididimo altrimenti molto probabilmente lei avrebbe la febbre, magari anche elevata, cosa che invece non ci riferisce. Le epididimiti molto spesso lasciano dietro di loro delle irregolarità apprezzabii alla palpazione e anche dei fastidi che stentano parecchio a scomparire. Piuttosto che fare vane speculazioni in autonomia, si tenga in contatto con il suo urologo di riferimento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille per le risposte dottore, rimango sempre in contatto con il mio urologo di fiducia. Mago un dubbio che non ho mai esposto al mio urologo.
La spermiocoltura e il tampone uretrale ricercano i stessi batteri oppure c’è differenza?
Perché visto che il laboratorio dove l’ho effettuato me l’ha fatto fare da solo non credo di averlo fatto in modo corretto.
Perché se non fosse la stessa cosa lo ripeterei appena la situazione lo rende possibile senza rischiare contagio.
Grazie per la disponibilità

[#7]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sia il tampone uretrale che la spermiocoltura sono esami scarsamente specifici, nel senso che il risultato può essere influenato da molti fattori esterni, tali da falsare il risutato. Questo deve invece essere considerato semre con molto senso critico da parte dello specialista, mettendolo in relazione con quanto rilevato alla visita, eventuali altri segni e sintomi, eccetera. Il tempone uretrale è relamente utile quando raccoglie una secrezione abbondante, come nelle uretrit conclamate. Molte spermiocolture sono falsamente positive per batteri opportunisti che colonizzano la pelle dell'area genitale e l'ultimo tratto dell'uretra.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente
Capito dottore, però avendo avuto una ragade con diarrea dopo solo 4/5 giorni e una in eruzione cutanea nel glande dopo 15 giorni e non sono riuscito a andare da un veneerologo visto che era la settimana di ferragosto, ancora ho linfonodi reattivi inguinali, dolore nel basso addome a sinistra (penso sia il colon visto che soffro di colon irritabile ), dolore alla schiena a livello lombare ed epidemite da 7 mesi ancora dolorante. questo tutto dopo aver avuto questo rapporto quindi dottore penso che qualcosa che non va ci sia. I test tutti negativi però io questi sintomi prima non li avevo. Vorrei solo trovare una risposta e una soluzione il prima possibile.

Grazie mille ancora dottore per la disponibilità e mi scusi per l’insistenza

[#9]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
A distanza non possiamo dirle molto di più.essenziale è il contato diretto e continuo con il proprio urologodi riferimento. Ovviamente quando la situazione generale permetterà di riprendere una normale attività.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente
Salve dottore e mi scusi se approfitto della sua pazienza.
Mi potrebbe dire come far risultare il campione, il più possibile veritiera, per la spermiocultura, non contaminato da batteri presenti nella pelle.
Mi è venuto il dubbio che la mia raccolta del campione non avvenga in modo in modo corretto.
Grazie mille

[#11]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Il problema della specificità della spermiocoltura è annoso, tanto è che più passa il tempo e meno gli specialisti fanno affidamento su questo accertamento. E' molto facile che il liquido seminale raccolga al passaggio tracce della abbondante flora batterica opportunista che colonizza la pelle dell'area genitale (es. glande, prepuzio) e gli ultimi centimetri dell'uretra. Il risultato va quindi sempre interpretato con attenzione, alla luce di altri fattori di giudizio (es. presenza di febbre, tipo di sintomi, tipo di batteri riscontrati, eccetera) altrimenti è cospicuo il rischio di prescrivere antibiotici del tutto inutilmente. Una possibile soluzione, anche se non universamente valida, è quella di far precedere la raccolta seminale da una urocolture eseguita sul primo getto di urina, che dovrebbe "lavare" l'uretra. Noi riteniamo che sia comunque una cosa molto empirica, ma potrà dare sempre un aiuto, specie nei casi più dubbi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#12] dopo  
Utente
Quindi dottore se non ho capito male il giorno che dovrò rifare l’esame dovrò effettuare anche l’urinocultura sul primo getto Almeno da confrontare i due esami e valutare? Giusto?

[#13]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sì, urocoltura del primo getto immediatamente prima della raccolta del liquido seminale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#14] dopo  
Utente
Salve dottore,
Tra pochi giorni dovrò ripetere la spermiocultura e come mi ha consigliato lei farò anche l’esame urinocoltura primo getto. Le volevo chiedere come devo fare per eseguire gli esami nel miglior modo possibile. Mi spiego meglio, per la Esame delle urine devo retrarre la pelle del pene fino a scoprire tutto il glande? Il glande lo devo prima lavare con acqu e sapone oppure no? Dopo l’urina devo lavare il glande e poi eseguire la spermiocultura?
Grazie mille

[#15]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Sì va bene così.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#16] dopo  
Utente
Grazie mille dottore, se vuole le farò sapere i risultati.

[#17] dopo  
Utente
Salve dottore, come da lei consigliato ho effettuato oltre alla spermiocoltura anche urinocoltura primo getto come lei mi aveva consigliato.
Spermiocoltura sempre positiva alla klebsiella invece l’urinocoltura negativa. Non so più a cosa pensare. Le ho provate tutte e sono di nuovo allo stesso punto di prima.
Una domanda, l’urinocultura la dovevo effettuare con metodologia pcr oppure vabene anche quella classica?

[#18]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Questo però ci confermerebbe che i batteri provengono veramente dall'apparato genitale interno (prostata e vescicle siminali). Sarebbe quindi un caso da trattare con una appropriata terapia antibiotica selettiva.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#19] dopo  
Utente
Quindi da come mi Dice dottore l’esame che ho fatto va bene e quindi non devo fare l’esame in pcr? Facendo questo esame era anche per vedere se c’era Clamidia, gonorrea eccetera ma ho letto un consulto a cui proprio lei aveva risposto che per vedere quei batteri era meglio un esame in pcr.
Grazie in anticipo e scusi il disturbo

[#20]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Se si decide di eseguire un accertamento, bisogna poi essere pronti a credere ai risultati, altrimenti è meglio lasciar perdere. Una positività della spermiocoltura per una batterio gram negativo, avendo ragionevolmente escluso che derivi dall'uretra terminale ha elevate probabilità di essere significativo. Poi per carità deve essere correlato a tutti gli altri elementi di giudizio da parte dell'urologo curante.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#21] dopo  
Utente
Mi scusi dottore forse mi ha frainteso. Non voglio non credere ai risultati ricevuti dagli esami, assolutamente, volevo solo sapere se devo effettuare un urinocoltura con metodologia pcr che è più specifica su Clamidia gonorrea eccetera visto che i miei disturbo sono derivata da un rapporto sessuale. La positività della spermiocultura non la metto assolutamente in dubbio. Che infatti appena avrò l’opportunità di andare dal mio urologo di fiducia mi farò prescrivere l’antibiotico più adatto sperando che questa volta funzioni.

[#22]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
In linea di massima, è molto difficile che vi sia anche una infezione da Clamidia, d'ogni modo considerata la semplicità, una ricerca specifica pcr sulle urine può essere comunque utile.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente
Salve dottore, la volevo informarla che oggi mi sono messo in contatto con il mio urologo di fiducia e mi ha detto di effettuare un’ecografia transrettale per avere un quadro clinico più dettagliato visto che la klebsiella ancora è presente. Volevo sapere come deve essere preparato questo esame. Su internet si legge un po’ delle cose discordanti tra sito e sito.
La ringrazio

[#24]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Vi sono pratiche ed abitudini diverse, la cosa migliore è che si informi direttamente presso l’ecografista od il centro dove l’indagine verrà effettuata.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing