Bruciore fianco sx

Salve, sono una ragazza di 19 anni.

Da qualche giorno ho iniziato ad accusare un bruciore al fianco sinistro, precisamente sotto l’ultima costola, preciso che la sensazione di bruciore compare anche con lo sfiorare della felpa o maglia sulla pelle.

Premetto (non so se è importante) che ho sofferto di calcolosi renale (ossalato di calcio) sempre a sinistra un anno e mezzo fa (settembre 2019) espulso spontaneamente dopo svariare coliche.
Pertanto so benissimo che il dolore della colica è completamente diverso, però ho paura possa trattarsi di nuovo di calcolosi.
L’ultima ecografía l’ho fatta ad agosto 2020, perciò 6 mesi ed era tutto apposto.

Ho iniziato a fare da poco anche attività fisica ai fini delle prove per un concorso, tuttavia credo di avvertire questo fastidio dapprima.

Vi ringrazio per la cortese risposta e vi porgo cordiali saluti.
[#1]
Dr. Patrizio Vicini Urologo, Chirurgo plastico, Andrologo 1,5k 39 13
Cara lettrice
Non è dolore da colica renale.
Nel dubbio meglio ripetere ecografia renale e vescicale con esame urine.
Cordiali saluti

Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#2]
dopo
Utente
Utente
Salve dottore, intanto la ringrazio per la risposta.
Comunque ho degli aggiornamenti, l’altro ieri notte dopo aver passato la nottata tra bruciore durante la minzione e fastidio, ho chiamato il medico di base che mi ha prescritto 7 gg di antibiotico (cefixoral), a seguito di una leggera ematuria nella minzione, pensando fosse cistite.
A breve eseguirò un’eco per vedere se c’è qualche formazione calcica, poiché lo scorso anno scoprì di avere un calcolo proprio dopo aver avuto ematuria.
Comunque, questo fastidio che percepisco al fianco, simil bruciore con lo sfregare degli abiti sulla pelle, non vorrei fosse il fuoco di Sant’Antonio senza sfogo visibile, lei cosa ne pensa? Oppure è possibile che la cistite emorragica dia questo tipo di fastidio al fianco? Sempre con i limiti del consulto a distanza.

La ringrazio infinitamente.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio