Conservare o intervenire chirurgicamente?

La scorsa estate ho ripreso dopo 40 anni a giocare a tennis in maniera continuativa, associandolo ad una regolare e forse eccessiva attività fisica in palestra.
Dopo una relazione affettiva terminata 2 anni fa ho avuto rapporti occasionali un paio di volte, di cui una senza protezione, mentre ho spesso trattenuto per ore erezioni prolungate in videochat e sono stato costretto a distendermi, con dolore, per rilassare il pene.

Da settembre ho riscontrato un gonfiore non doloroso all'epididimo dx ed eiaculazione di color rosato.
Le numerose ecografie evidenziano il gonfiore nella zona suddetta ed escludono l'interessamento del testicolo.
Anche l'esame della prostata risulta privo di anomalie.
Ho prima effettuato analisi sangue e urine, nonché i marker con risultati apprezzabili.

Ho fatto senza risultato una terapia antibiotica con Agilev e Bassado, ora dopo 2 settimane di pausa ho fatto la spermiocoltura, per la quale attendo esito.
Temo di aver usurato il condotto con uno dei comportamenti di cui sopra: se la coltura non dovesse evidenziare infezioni, è possibile agire chirurgicamente solo sull'epididimo?
Quali i vantaggi e le conseguenze?
Grazie in anticipo, Antonio
[#1]
Dr. Paolo Piana Urologo 28k 1,3k 15
Quale condotto pensa di aver usurato? Non coltivi ulteriormente queste fantasie. Molto probabilmente vi è in corso una infiammazione genitale diffusa che poco o nulla ha in relazione ai suoi trascorsi di vita. Questi quadri non hanno praticamente mai interesse chirurgico, eccezion fatta per situazioni particolari che non ci pare proprio rispecchino il suo caso. Stia sereno e segua i consigli del nostro Collega che la sta curando.

Dr. Paolo Piana
Medico Chirurgo - Specialista in Urologia
Trattamento integrato della Calcolosi Urinaria
www.paolopianaurologo.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per il suo competente intervento.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test