Celiachia, infertilità e poliabortività

Dr. Valerio LangellaData pubblicazione: 23 luglio 2017

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

La consapevolezza della Malattia Celiaca (CD) è progressivamente aumentata nell’ultimo ventennio; ciò si è tradotto in un aumento del numero di diagnosi, in un declino delle manifestazioni e complicazioni legate alla malattia e ad un miglioramento delle risorse e del supporto per i pazienti affetti da CD.

Oltre che poco specifici, se presenti, segni e sintomi sono estremamente variabili per esordio, intensità e durata: dolore crampiforme allo stomaco, dimagramento e perdita di peso, gonfiore, diarrea, stanchezza cronica, anemia, dolori ossei/articolari, depressione, manifestazioni cutanee, problemi di infertilità.

Per infertilità si intende l'incapacità biologica di procreare; è anche definita come assenza di gravidanza dopo almeno un anno di tentativi o sei mesi nelle donne di età > 35 aa. Il termine viene impropriamente utilizzato anche nei casi di poliabortività. Anche se è comunemente ritenuto che l'infertilità è correlata a problematiche proprie della donna, ciò è dimostrabile solo in 1/3 dei casi; nei rimanenti casi l’infertilità è attribuibile a problematiche del maschio (circa il 40%) o sono secondari ad una combinazione di fattori sconosciuti o ad un mix di complicanze maschili e femminili.

L’associazione tra infertilità e CD è stata ed è tutt’ora oggetto di numerosi studi che evidenziano nei celiaci un tasso di aborto spontaneo ricorrente e di infertilità fino a quattro volte superiore rispetto alla popolazione generale. Inoltre in alcuni di questi studi, anche italiani, i ricercatori suggeriscono che la CD rappresenta un fattore di rischio non solo per aborti spontanei ricorrenti, ma anche menarca ritardato, riduzione del periodo riproduttivo, aumento di casi di menopausa precoce, disfunzioni gonadiche ed alterazioni del ciclo mestruale che sono di per sè causa o comunque contribuiscono all’infertilità.

L'esatta ragione dell’aumentato rischio rimane sconosciuta e le ipotesi fisiopatologiche, ovvero una possibile carenza nutrizionale (zinco, selenio e acido folico) o meccanismi autoimmuni (attività extra intestinale degli Ab anti-transglutaminasi), sono ancora tutte da dimostrare. Ciò che invece si evince da quasi tutti gli studi metanalitici presi in considerazione è che le manifestazioni di CD sono parzialmente o in alcuni casi totalmente correggibili con una dieta senza glutine (evidence based medicine).

In conclusione, seppur non è dimostrato che la celiachia causa infertilità, alcune Società Scientifiche (National Institute for Health and Care Excellence, UK; American Society for Reproductive Medicine etc.), raccomandano la ricerca di Ab specifici per CD in persone con subfertilità inspiegabile (al di sotto dei livelli normali di fertilità) o aborti spontanei ricorrenti.

 

 

Autore

valeriolangella
Dr. Valerio Langella Allergologo, Medico internista, Pneumologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2004 presso SECONDA UNIVERSITA' DI NAPOLI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 31075.

2 commenti

#1
Utente 482XXX
Utente 482XXX

buonasera potrei farle una domanda?ho fatto gli esami del sangue x la celiachia ma.sono negativi,ora ho fatto biopsia cn gastroscopia e aspetto il medico per leggere il referto.. Sembra che ci sia una forte sensibilita o intolleranza al glutine nn celiachia..ho perso dieci chili ma da un mese che mangio senza glutine sto da dio.. Ho ripreso 4kili nn ho piu mal di ossa o sopratutto mancanza di respiro che mi faceva morire.. Ora faro le intolleranze alimentari!ma dato ke e da un mese ke mangio senza glutine,le intolleranze usciranno bene? O dovrò reintrodurre il glutine.. Xke cm mangio glutine perdo subito tt il peso..grazie in anticipo

#2
Dr. Valerio Langella
Dr. Valerio Langella

Il risultato che lei espone non è chiaro...non mi risulta che dall'EGDS si possa evidenziare un'intolleranza al glutine...o c'è danno dei villi o non c'è...altre alterazioni strutturali possono essere conseguenza di tante altre evenienze patologiche/pseudopatologiche...faccia verificare l'esito dell'EGDS dal suo medico ed a limite mi ricontatta. I test che deve fare riguardano poi un'allergia alimentare o sono test per le cosiddette intolleranze?..in quest'ultimo caso non ho esperienza personale e professionale, posso solo dirLe che da quanto verifico nei miei pazienti non hanno alcuna attendibilità e dai miei approfondimenti ho riscontrato scarso sostegno scientifico (opinione personale).
Distinti Saluti, a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche celiachia 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Allergologia e immunologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contenuti correlati