In menopausa si possono verificare alcuni problemi riguardanti la funzione sessuale, come il calo o l’assenza del desiderio, mancanza di eccitazione e difficoltà a raggiungere l’orgasmo e il dolore ai rapporti o dispareunia dovuto alla secchezza vaginale.

Tra i vari rimedi utilizzati per risolverli ci sono i fitoestrogeni, sostanze di origine vegetale che mimano l’azione ormonale femminile.

Uno studio pubblicato pochi giorni fa sulla rivista scientifica Climacteric Journal attraverso una revisione sistematica e una metanalisi ha valutato criticamente l’efficacia dei fitoestrogeni sui disturbi sessuali e la gravità della dispareunia.

  

 

Sono stati analizzati una serie di studi rilevanti presenti su importanti database come Pubmed, Cochrane Library, ISI Web of Science e Scopus fino al 29 settembre 2017.

La Soia non ha avuto alcun effetto sulla funzione sessuale ma ha migliorato la dispareunia (dolore ai rapporti).

Il Trifoglio Rosso non ha mostrato effetti significativi sulla funzione sessuale.

I fitoestrogeni isolati da Lepidium meyenii, Foeniculum vulgaree, la corteccia di pino marittimo e la Trigonella foenum-graecum L. hanno migliorato significativamente la funzione sessuale.

Al contrario i fitoestrogeni isolati dal ginseng rosso coreano e dai semi di lino non hanno avuto effetti significativi sulla funzione sessuale.

Gli effetti positivi della Trigonella foenum-graecum sono stati osservati sulla libido, con aumento del desiderio sessuale.

I fitoestrogeni avrebbero quindi effetti variabili sulla funzione sessuale.

Riflessioni personali

Come ginecologa che si occupa ormai da diversi anni di donne in menopausa, sento le richieste di tante donne che chiedono rimedi per risolvere problemi legati alla sessualità, la domanda che spesso viene fatta è: “C’è una pillola o un integratore che può aiutarmi a risolvere questi problemi?”

Voglio sottolineare che la funzione sessuale dipende da varie componenti, biologiche, ormonali, psicologiche e relazionali.

Quando ci sono problemi che riguardano la sessualità in menopausa, non è possibile risolverli solo con una pillola, un integratore, un ovulo, un gel vaginale, ma bisogna affrontare questi problemi da diverse sfaccettature, per riportare un equilibrio in tutte le quattro le componenti implicate nella funzione sessuale.

Bisogna correggere quindi l’atrofia vulvovaginale che è responsabile della secchezza e della scarsa o assente lubrificazione e questo si può fare utilizzando vari tipi di presidi farmaceutici che possono essere di tipo ormonale, di tipo non ormonale, come per esempio i fitoestrogeni, e altri tipi di terapie.

Il calo del desiderio, la mancanza di eccitazione, la difficoltà a raggiungere l’orgasmo vanno affrontate tenendo presente non solo la componente biologica e ormonale, ma anche quella psicologica e relazionale perché in menopausa, come a tutte le età, è importante valutare, anche con l’aiuto del sessuologo e dell’andrologo in quanto spesso ci sono problemi maschili associati (per esempio il deficit erettivo), i vari aspetti conflittuali, psicologici e relazionali che si possono verificare nella coppia di mezza età.

              

                                                             Dr.ssa Vincenza De Falco

 Fonte:

https://www.tandfonline.com/doi/figure/10.1080/13697137.2018.1472566?scroll=top&needAccess=true

 

Argomenti correlati:

  • 1) IL MATRIMONIO CHE VORREI: SESSUALITA’ E RAPPORTO DI COPPIA IN MENOPAUSA: Come evolve il rapporto di coppia dopo tanti anni di matrimonio? La sessualità e il modo di relazionarsi con il partner si modifica nel tempo e la menopausa con i vari cambiamenti che apporta nelle donne influisce in vari modi sulla vita sessuale della coppia. La sessualità in menopausa a volte è caratterizzata dalla presenza di problemi che non riguardano solo la donna, ma anche il partner…

Leggi tutto…: https://www.medicitalia.it/blog/ginecologia-e-ostetricia/7793-matrimonio-vorrei-sessualita-rapporto-coppia-menopausa.html 

  • 2) SECCHEZZA VAGINALE: DOMANDE E RISPOSTE: La menopausa è caratterizzata da una drastica riduzione degli estrogeni che non vengono più prodotti a livello ovarico, situazione che si ripercuote anche sulla vulva e sulla vagina. Si assiste quindi ad un processo progressivo nel tempo di assottigliamento delle mucosa vaginale, una riduzione delle secrezioni, del trofismo vaginale e vulvare, per cui la secchezza vulvovaginale appare sempre più evidente e causa difficoltà ai rapporti…

Leggi tutto…: https://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/1504-secchezza-vaginale-domande-risposte.html

  • 3) MENOPAUSA GIORNATA MONDIALE: SECCHEZZA VAGINALE E SONDAGGIO ADERENZA TERAPEUTICA: La secchezza vaginale, che noi ginecologi chiamiamo atrofia vulvovaginale. E’ un disturbo che se non viene curato, nel tempo è destinato progressivamente a peggiorare, ed è causa di rapporti dolorosi, bruciore, prurito, a volte di perdite di sangue dalla vagina, fino ad arrivare al punto che la donna è costretta a rinunciare ad avere rapporti sessuali con il partner. In queste situazioni non è solo la donna a soffrire, ma anche il marito, il compagno, magari di una vita, prima felice, piena di intesa affettiva e sessuale che improvvisamente e progressivamente si deteriora a causa di un problema fisico che poi si ripercuote anche a livello psicologico. Spesso anche il partner della donna in menopausa può avere altri problemi, malattie croniche che necessitano di assunzione di terapie farmacologiche, che si ripercuotono negativamente sulla sessualità…

Leggi tutto...: https://www.medicitalia.it/news/ginecologia-e-ostetricia/6076-menopausa-giornata-mondiale-secchezza-vaginale-sondaggio-aderenza.html

  • 4) VIBRATORE IN MENOPAUSA: MIGLIORA IL SESSO E LA SECCHEZZA VAGINALE: “La mancanza di estrogeni che si verifica quando una donna va spontaneamente in menopausa o quando subisce un intervento chirurgico di asportazione delle ovaie ad esempio per un cancro, diminuisce l’afflusso di sangue nella regione pelvica. Questo comporta secchezza e atrofia vaginale o un indebolimento del tono muscolare che può portare a disfunzioni sessuali e sesso doloroso. I vibratori possono migliorare la salute sessuale e pelvica perché stimolano l’afflusso di sangue nella regione pelvica e vulvovaginale aumentando l’umidità vaginale e migliorando il problema delle secchezza…”

 Leggi tutto…:https://www.medicitalia.it/blog/ginecologia-e-ostetricia/4295-vibratore-menopausa-migliora-sesso-secchezza-vaginale.html