Teupolioside (noto anche come Lamiuside "A") è un metabolita secondario prodotto dalla pianta di Ajuga reptans per scopi difensivi contro agenti ambientali come le radiazioni UV. La Teupolioside ha mostrato una vasta gamma di attività. Teupolioside è in grado di modulare i disturbi correlati al testosterone, come l'acne giovanile, e per la prevenzione della caduta dei capelli nell'alopecia androgenetica. Studi specifici in vitro e in vivo hanno dimostrato che Teupolioside ha effetti benefici anche su altre patologie quali: iperplasia prostatica benigna (BPH), sindrome di Crohn e altre malattie gastro-intestinali. Il teupolioside esercita effetti benefici su un modello di colite del roditore. Il trattamento con teupolioside ha ridotto significativamente la comparsa di diarrea e la perdita di peso corporeo. Ciò è stato associato ad un notevole miglioramento nella distruzione dell'architettura del colon e ad una significativa riduzione dell'attività della mieloperossidasi colica e dei livelli di malondialdeide. Il teupolioside ha anche ridotto il rilascio pro-infiammatorio di citochine, la comparsa di nitrotirosina e immunoreattività di PARP nel colon e ridotto l'up-regulation di ICAM-1 e l'espressione di P-selectina. Teupolioside ha anche ridotto l'attività proMMP-9 e -2 indotta nel colon dalla somministrazione di DNBS. Gli estratti contenenti teupolioside hanno accelerato significativamente la guarigione delle ferite e possiedono una notevole azione antinfiammatoria nel modello della ferita da escissione.

La Teupolioside riduce la trasformazione prostatica da testosterone a diidrotestosterone ma non inibendo direttamente la 5alfa reduttasi, ma bensi portando ad ossidazione il coenzima NADPH. Tale funzione ha di buono che non espone all’insorgenza dei tipici effetti collaterali sulla libido come possono creare i farmaci 5-ARI.

Una molecola quindi da tenere in considerazione nel trattamento non farmacologico della ipertrofia prostatica benigna.

 

 

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1381117714000630

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0006295208007922