Utente 167XXX
Salve, sono una ragazza di 31 anni. Da circa un mese e mezzo ho cominciato a riavere problemi di acne,per ora localizzata sulla guancia sx ma non brufoletti, vera e propria acne, accentuata e dolorosa. Vorrei sapere dove andare a indagare: dovrei provare prima con degli esami ormonali oppure con le intolleranze alimentari, visto che proprio oggi mi hanno suggerito che potrebbe trattarsi anche di questo? In effetti ho molti dei sintomi che si presentano con le intolleranze, quali forti riniti, attacchi di starnuti e occhi lacrimanti, e poi cistiti frequenti, dolori muscolari, dolori addominali, fortissimi nel ciclo, umore basso e scarsissima libido e, appunto, acne. Preciso, però, che da un anno circa ho smesso di prendere la pillola, per questo sarei orientata anche su disfunzioni ormonali (ad esempio da vari mesi ho sanguinamenti intermestruali, vari giorni prima dell'inizio del ciclo e vari giorni dopo, e i dolori sono molto più forti di prima).
Mi chiedo dove andare ad indagare prima, visti i costi degli esami, e soprattutto, per le intolleranze, quale tipo esame effettuare, quale è attualmente il più sicuro e attendibile? Grazie, cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Vista la sua eta' e la situazione che descrive direi che la visita dermatologica servirà alla esclusione o alla conferma di un'acne ormonale femminile ormono-dipendente.

Produca con fiducia la visita perché la terapia dell'acne ad oggi gode di validissime terapie che debbono essere selezionate sulla scorta di un'algoritmo diagnostico terapeutico.

Saluti a lei
[#2] dopo  
Dr. Luigi Mocci
40% attività
8% attualità
20% socialità
VALENZA (AL)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2005
salve,
in aggiunta a quanto ottimamente espresso dal Dr,. Laino direi che le intolleranze (ammesso che, intese come le intendono i pazienti e non solo, esistano) non c'entrano assolutamente niente.
Non butti quindi via del denaro in inutili e costosi esami e segua il consiglio del collega: visita dermatologica .
Lo specialista poi la indirizzerà alla immancabile visita col ginecologo-endocrinologo per valutare eventuale disendocrinia alla base del quadro e terapia all'uopo per il versante cutaneo del suo problema. Il dermatologo stesso le gestirà poi, almeno per quanto riguarda il versante cutaneo il problema eczema.

Saluti