Utente 232XXX
Salve, sono un ragazzo di 20 anni, mi trovo in questa condizione:
mi sono operato a giugno 2011 per un varicocele sn di II tipo visto che a marzo, dopo aver effettuato uno spermiogramma, era emersa azoospermia ( nel liquido spermatico, con valori chimico-fisici fisiologici, erano presenti 0 spermatozoi). Dopo l'intervento (per scleroembolizzazone con iniezione di microspirali) e nuova visita dall'angiologo, è emerso che avevo avuto una recidiva. I segni erano tornati già a fine agosto (testicolo "pesante", plesso pampiniforme apprezzabile, dolenza ecc...). La causa del mio varicocele è quasi certamente un nut-crucker aorto-mesenterico che provoca una leggera stenosi della vena renale sinistra. Il mio angiologo ha detto che questo quadro capita ai longilinei (sono 1,85m per 75Kg); ha pure scritto referti molto dettagliati che per ragioni pratiche non posso trascrivere.
L'08/11/2011 effettuo uno spermiogramma di controllo. Ecco il risultato:

Giorni di astinenza 5
Volume 4ml
Colore Grigio-giallastro
Viscosità Normale
Fluidificazione Dopo 20 minuti
Aspetto Torbido
pH 8
N° spermatozoi 2milioni/ml
Motilità %:
Rapidamente progressivi dopo 30'= 0%, dopo 120'= 0%
Debolmente professivi dopo 30'= 25%, dopo 120'= 20%
In situ dopo 30'=15%, dopo 120'= 10%
Immobili dopo 30'= 60%, dopo 120'=70%

NOTE: Dato l'esiguo numero di spermatozoi non è possibile esprimere un giudizio sulla morfologia. Si consiglia la ripetizione dello spermiogramma tra 60-90 gg per conferma dei risultati.


Il mio problema è però un altro. Ho avuto rapporti non protetti con la mia ragazza in questo modo per un paio di mesi: c'è stata penetrazione senza preservativo e sul glande vi era già una certa quantità di liquido trasparente e filamentoso tipico dell'eccitazione pre-rapporto. Dopo alcune penetrazioni smettevamo e mettevo il preservativo. Nei rapporti successivi della stessa serata mettevo sempre da subito il preservativo.
In alcuni casi è successo che, rischiando di raggiungere l'orgasmo e l'eiaculazione portassi fuori il pene, salvo poi aspettare che l'impulso rientrasse, aspettare ancora un mino o due e ripetere la cosa. Non ho mai eiaculato dentro di lei ma è il 15 novembre doveva tornarle il ciclo ma ciò non è avvenuto. Devo aggiungere che l'anno scorso (dal settembre del 2010 al luglio 2011) in cui non stavamo insieme, mi ha confessato di aver avuto il ciclo 1 sola volta o 2. Data la sua storica irregolarità (anni fa prendeva la pillola giornaliera) vorrei sapere, anche se solo orientativamente, quante probabilità ci siano che sia incinta a fronte delle rispettive condizioni sessuali. Vi scrivo anche se tra poche ore dovrebbe fare un test di gravidanza perchè a breve avrò un esame (sono al 3° anno di Medicina!) e il nervosismo è troppo elevato. A proposito: pensavo che fosse il caso di fare un test anche stasera, subito, e di ripeterlo domani mattina con le prime urine, che ne pensate?

Confidando in una celere risposta vi saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Maria Colpi
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
gentile lettore,

più che della gravidanza, le consiglierei di studiare la sua criptospermia severa, che non può solo dipendere dal varicocele. Contatti uno specialista andrologo per le opportune e necessarie valutazioni che possono definire il perchè di tale criptospermia.

nel suo caso specifico, la gravidanza resta estremamente improbabile, vista la irregolarità mestruale della sua compagna.

il test è giusto farlo per le risposte che cerca ma le consiglio di contattare un andrologo.

cordialità
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

non entri in spirali di ansie esagerate ed inutili.

Se il quadro seminale è quello indicato e le manovre sessuali sono quelle da lei riferite, il rischio di una gravidanza indesiderata è molto ma molto basso, anche se non possiamo dire nullo.

Fate il test di gravidanza e poi consultate anche il ginecologo della ragazza.

Cordiali saluti.
[#3] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Impressionato per la prontezza delle vostre risposte aggiungo:

Gli ultimi cicli (precedenti alla mancata mestruazione del 15 novembre) erano piuttosto regolari e per questo mi sono preoccupato.
Tra l'altro in questo periodo ha avuto anche disturbi di tipo influenzale (seppur lievi), è una modesta fumatrice e nell'ultima settimana è arrivata a prendere 6 caffè al giorno. Perdonate l'aggiunta di questi particolari forse fantascientifici ma vorrei appunto smentite/conferme circa gli effetti negativi su una gravidanza del fumo e degli eccessi nell'assunzione di caffè.

E poi: condizioni influenzali (in cui il quantitativo di prostaglandine circolanti dovrebbe essere più elevato della norma) non dovrebbero essere un fattore a sfavore di un'eventuale gravidanza? Mi è venuto in mente questo perchè ho letto che la pillola RU-486 funziona attraverso, tra le altre cose, l'azione delle prostaglandine.

[#4] dopo  
Utente 232XXX

Iscritto dal 2011
Preciso inoltre che quelle manovre sessuali (mi sono dimenticato di scrivere che venivano quasi sempre precedute da un rapporto orale praticato dalla mia ragazza su di me) sono state praticate allo stesso modo per circa 2 mesi ed in tale periodo si è riscontrato un ciclo mestruale regolare.
Ovvio che, come si suol dire, "all'aumentare della frequenza degli eventi, anche l'evento più improbabile si verificherà" però credo, e spero, che questa situazione sia frutto di una sfortunata coincidenza di poca accortezza nella protezione ed irregolarità mestruale.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le ripeto:"non entri in spirali di ansie esagerate ed inutili."!

Senza furiepoi bisogna monitorare la situazione ed eventualmente sentire il ginecologo.

Naturalmente per lei sarebbe bene, superata questa particolare contingenza, sentire anche un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Cordiali saluti.