Login | Registrati | Recupera password
0/0

Ed è stato altresì classificato b5b

(archivio consulti: per vedere la pagina aggiornata clicca QUI)
  1. #1
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008

    Ed è stato altresì classificato b5b

    egregi dottori, mia nonna ha 77 anni, facendo una mammografia di controllo, è stata richiesta agobiopsia lato dx sede q2 ed esame macroscopico. Dai risultati sono risultati due fustoli di Carcinoma Duttale Infiltrante rispettivamente della lunghezza di cm 0,8 e cm 0,6, ed è stato altresì classificato B5b.
    Nella sede ascellare si osservano formazioni linfonodali di morfologia e dimensioni nella norma.
    Richiedono che si proceda a breve a exeresi chirurgica.
    Volevo chiederVi se questo è un cancro invasivo e se, vista l'età, ci sono speranze di crescita lenta.
    Quali sono, secondo Voi, i rischi/benefici riguardo un eventuale operazione chirurgica, tenendo conto che mia nonna ha diverse altre patologie (Coagulazione difficile, Rischio Trombosi ed Embolia).
    Grazie anticipatamente, Manuela.



  2. #2
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    Gentile utente,
    purtroppo ci sono molti pregiudizi che riguardano il trattamento del carcinoma mammario SENILE con il risultato catastrofico di frequenti sottotrattamenti che si pagano a caro prezzo.

    Tre ordini di fattori sono da prendere in considerazione oltre l'età
    anagrafica della paziente :
    1)Condizioni generali
    2)aspettative di vita
    3)Non è vero che questa malattia sia meno aggressiva in questa età rispetto alle altre. Questo lo si potrà dedurre solo dopo avere eseguito l'intervento o in base ai fattori biologici che possono essere desunti dalle indagini sui frustoli asportati .

    Nelle pazienti al di sopra dei 70 anni il trattamento non si discosta di regola da quello eseguito nelle altre età. Tuttavia possono esistere situazioni molto eterogenee in rapporto da un lato alle caratteristiche, come già scritto,anatomobiologiche del tumore, dall’altro all’eventuale presenza di patologie associate, rilevabili con un inquadramento integrato medico-internistico-geriatrico, sociale e psicologico.

    Su questa base sono spesso opportuni trattamenti personalizzati con endocrinoterapia primaria, senza trattamento chirurgico locale, o variamente associata a un trattamento chirurgico limitato (ampia resezione in anestesia locale, dissezione ascellare di primo livello) o ad un trattamento radiante.

    Impossibile fare questo inquadramento tramite Internet perchè il trattamento del CARCINOMA SENILE necessita di programmi ancora più personalizzati rispetto ad altre fasce di età.

    Quale programma a breve è stato proposto ?

    Cordiali saluti




    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  3. #3
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Grazie per la tempestività,
    Per ora il medico ha fissato una visita per la prossima settimana, ci ha richiesto la cartella clinica completa relativa a tutte le patologie di mia nonna per valutare l'intervento chirurgico in anestesia locale (exeresi?)
    In ogni caso vorrei chiederLe, (perdoni l'emotività)
    - statisticamente qual'è la previsione di vita in questi casi?
    - il trattamento( intervento chirurgico, chemio, radioterapia)e consigliato per le persone anziane oppure no?
    Grazie



  4. #4
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    In medicina la statistica serve solo per fare previsioni sbagliate !

    Quanto ho scritto prima vale anche per le altre terapie :
    non c'è differenza con le altre fasce di età tenendo conto delle condizioni generali.

    Nel caso di sua nonna evidentemente le precauzioni terranno conto di questo. Quindi ad esempio è molto improbabile che venga proposta una chemioterapia.


    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  5. #5
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Gentile Dottore,
    La disturbo per infomarLa che mia nonna ha fatto la visita per valutare l'intervento;
    Hanno fissato l'asportazione del carcinoma per il 28 ottobre con tutte le varie analisi da farsi ovviamente prima (compresa la scintigrafia per determinare il punto esatto di collocazione).
    Il chirurgo ci ha fatto presente che è vitale asportarlo, per poi procedere ad una eventuale chemioterapia e radioterapia che sarà effettuata per 5 mesi una volta alla settimana.
    Non si sono esposti ulteriormente perchè dicono che è fondamentale analizzare il famoso linfonodo sentinella se positivo o negativo, in quest'ultimo caso prospettano una situazione sicuramente migliore.
    Cosa mi consiglia? E' il caso che si debbano fare ulteriori accertamenti altrove? ( è seguita all'osp. evangelico valdese di Torino).
    La ringrazio sin d'ora per eventuali chiarificazioni in merito.
    Manuela



  6. #6
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    E'Quali sonio le condizioni generali della paziente ?

    E'sicura che abbiano parlato di chemioterapia all'età di 77 anni ?.

    E perchè aspettare ancora un mese e mezzo ?




    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  7. #7
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Buongiorno Dottor Catania,
    Le condizioni generali non sono buone ma secondo loro non precludono che si possa fare l'intervento trattandosi di operazione periferica.
    Mia nonna ha subito due interventi alle ginocchia( una delle due ha una piccola protesi);assume cardioaspirina,enapren,voltaren per i dolori quasi tutti i giorni. E' soggetta a trombosi ed embolia; ha avuto una paratomia totale ed è andata in menopausa all'età di 35 anni; due figli sono deceduti per tumore, rispettivamente al pancreas e ai polmoni.
    Per quanto riguarda il trattamento post operatorio hanno parlato o di chemioterapia o di terapia ormonale, dando per certa solo la radioterapia.

    Anche a noi familiari i tempi d'attesa per l'intervento ci sono parsi un pò lunghi, per questo motivo ho parlato con il chirurgo che la opererà chiedendogli di poter anticipare esami ed operazione procedendo privatamente; in quest'ultimo caso l'avrebbero operata anche la settimana successiva(questa) ma molto chiaramente mi ha fatto presente che sarebbe stato poco onesto a consigliare questa strada (ache se si sarebbe liberato un posto pubblico)poichè oncologicamente secondo lui non avverranno modifiche entro quella data.
    Ho pensato che se avesse voluto tra virgolette prendere la palla al balzo non ci avrebbe pensato su due volte a procedere privatamente(perdoni la franchezza!).
    In attesa di una Sua risposta porgo
    Distinti Saluti.



  8. #8
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    Cosa intende dire con
    "operazione periferica" ?


    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  9. #9
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    L'ha proprio denominata così operazione in anestesia locale in day surgery di tipo periferico, non so cosa intendesse, ha aggiunto che essendo non invasiva come una mastectomia non comporta rischi.



  10. #10
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    Si non era solo questa la mia perplessità ma si riferivano a

    -chemioterapia a 77 anni in paziente in non buone condizioni

    -"Richiedono che si proceda a breve a exeresi chirurgica"
    e poi la operano dopo quasi due mesi!

    Tutto qui



    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  11. #11
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Convengo con Lei, è per questo che ho chiesto di procedere privatamente riducendo notevolmente i tempi di attesa dell'operazione; ho chiesto se il tumore poteva aumentare di dimensioni in questo lasso di tempo o degenerare in qualche modo e loro hanno risposto che non ne vale la pena perchè la situazione oncologica non si modificherà.
    Lei pensa che addirittura non si potrà neanche fare la chemio nella condizione di mia nonna?
    Secondo Lei pu' aspettare tutto questo tempo?



  12. #12
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    La mia è una riflessione di ordine generale-

    Impossibile fare una valutazione dettagliata tramite Internet e senza una verifica diretta.


    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

  13. #13
    Utente donna
    Iscritto dal
    2008
    Gentile dottore,
    finalmente mia nonna è stata operata ed è stato anche analizzato il linfonodo sentinella che è risultato negativo.
    Il giudizio diagnostico è questo:
    La ricerca dei recettori per gli estrogeni( clone6f11) è risultata positiva al 100%
    La ricerca dei recettori per progesterone è risultata positiva al 95%
    La reazione immunocitochimica con anticorpo anti human cERB2 ha dato esito negativo (score 0 o 1+)(nessuna colorazione o debole, incompleta colorazione di membrana in qualsiasi % di cellule di carcinoma invasivo)

    Ki67= 4%
    Mitosi: numero di mitosi su 10 campi ad alto ingrandimento: 6

    Grado istologico: moderatamente differenziato G2 pT1b

    Il diametro maggiore del carcinoma invasivo misurato microscopicamente è di mm 7.

    Margini di resezione: indenni
    Staging: tumore superiore a 0.5 cm ma non più di 1 cm nella dimensione massima(pt1b)

    Questi i risultati, ora deve fare la visita con l'oncologo che ci ha preannunciato che farà la terapia di ormoni ( o Arimidex o Tamoxifen) e poi stabiliranno i cicli di radioterapia.

    La prego di dirmi cosa ne pensa.
    La ringrazio ancora e la saluto.



  14. #14
    Indice di partecipazione al sito: 9356 Medico specialista in: Chirurgia generale
    Oncologia medica

    Perfezionato in:
    Senologia

    Risponde dal
    2005
    Mi sembra che il quadro possa suggerire un cauto ottimismo.
    Auguri


    Salvo Catania, MD
    Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
    www.senosalvo.com

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 22/09/2008, 19:07
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19/07/2008, 12:36
  3. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 14/12/2008, 00:32
  4. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02/04/2009, 16:58
  5. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 18/05/2009, 19:53
ultima modifica:  24/10/2014 - 0,18        © 2000-2011 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896
 
@media only screen and (max-width: 767px) { #banner { display:none;} }