Utente 391XXX
Salve dottori e da più di un mese che ho perdite vaginali abbastanza abbondanti.Sono inodore e bianche anche se a volte mi da l'impressione che fossero gialle.Il mio medico curante mi disse che poteva essere una carenza di vitamina e di fare delle analisi ma non le feci più a causa di problemi personali,andai in farmacia e la dottoressa oltre a dirmi che poteva essere una candidosi mi diede anche un detergente per lavarmi,lavande vaginali e ginocanesten.Sto facendo la cura ma non vedo risultati..sono un po preoccupata.Cosa potrebbe essere? Potrà essere davvero una carenza alimentare?
[#1] dopo  
Dr. Lucia Vecoli
44% attività
8% attualità
20% socialità
LUCCA (LU)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2014
Gent. Sig., il suo è un problema comune a molte donne, quindi la mia risposta può tranquillizzare, mi auguro, lei e molte altre utenti del sito. Le perdite vaginali non necessariamente sono espressione di una patologia. Tutte le donne in età fertile hanno perdite bianco-trasparenti, inodori , in quantità più o meno abbondante a seconda della fase del ciclo. Subito dopo le mestruazioni le perdite sono in genere modeste, aumentano man mano che ci si avvicina all'ovulazione ( in teoria al 14° giorno dall'inizio delle mestruazioni), dopo di che diventano abbondanti e simili al bianco dell'uovo, per la cosiddetta fluidificazione del muco cervicale. Nei giorni successivi le perdite continuano ad essere in quantità discreta, ma più consistenti.Questo fenomeno fa parte della normale fisiologia del ciclo mestruale ed è comandato dagli ormoni prodotti dalle ovaie, sotto la guida dell'ipofisi e dell'ipotalamo. Solo le bambine pre-puberi e le donne in menopausa sono infatti "asciutte". Pertanto, in assenza di sintomi fastidiosi associati, quali arrossamento in area genitale, bruciore, prurito o dolore ai rapporti non è indicato fare nessuna terapia, anzi , può essere nocivo, perché qualsiasi farmaco che si introduca in vagina, senza una precisa indicazione dello specialista ginecologo può squilibrare la flora batterica vaginale ivi residente, che è posta a salvaguardia dalle infezioni. Attenzione, la cosiddetta automedicazione può essere pericolosa, perchè apre la porta alle infezioni, in quanto altera il fisiologico pH vaginale e comporta pertanto un abbassamento delle difese locali. Se le perdite sono l'unico sintomo, il consiglio per ridurle è quello di evitare biancheria intima colorata, sintetica, aderente, pantaloni , pigiami, jeans, leggins, ecc, sport da sella quali bicicletta, moto, equitazione, salvaslip, assorbenti esterni di cotone. Utili consigli per prevenire l'eccesso di perdite vaginali sono anche dormire senza mutandine, evitare l'eccesso di carboidrati nella dieta, non utilizzare detergenti intimi troppo aggressivi o usati troppo di frequente, provare l'utilizzo di slip in fibroina di seta, un materiale naturale di recente diffusione. Sperando di esserle stata di aiuto la saluto cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 391XXX

Iscritto dal 2015
Dottoressa grazie innanzitutto per la sua risposta.Le perdite che ho ce lo da più di un mese,quindi anche dopo l ultimo ciclo venutomi,la situazione non è cambiata continui ad averle...