Utente 404XXX
Buonasera,
chiedo cortesemente un vostro aiuto perchè spero di poter ponderare soluzioni non ancora prospettatemi.
Ho 30 anni e il tutto ha inizio quattro anni fa, quando ho contratto l'herpes genitale da un compagno fedifrago.
Il primo episodio ha avuto un decorso disastroso e molto doloroso, avevo vescicole su piccole e grandi labbra e a livello anale.
Sono stata curata con Aciclovir 800mg 1 compressa 2 volte al dì per 8 giorni e applicazione locale di pomata contenente lo stesso principio attivo.

Da questo episodio ogni volta che ho un rapporto sessuale è un incubo. Ho mandato a monte relazioni importanti per questo problema.
A livello della parte interna delle piccole labbra, intorno all'orifizio uretrale, si formano escoriazioni molto dolorose di colore grigiastro e con bordo netto, rosso.
Tra i diversi specialisti consultati, da ginecologi a dermatologi specializzati in MST, ho avuto diagnosi che spaziano dalla recidiva dell'herpes genitale all'aftosi genitale, alla intolleranza al lattice del preservativo.
Mi sono stati prescritti cicli di Aciclovir che mi hanno tolto l'appetito per settimane, creme e unguenti che spesso non hanno fatto altro che farmi piangere dal dolore, antibiotici e antimicotici.
Anche usare un tampone interno durante il ciclo mestruale è quasi impossibile perchè sento subito un leggero pizzicore che mi fa venire l'ansia di ricadere nel baratro di queste lesioni.

Durante questi episodi, oramai con frequenza mensile, noto il solo linfonodo inguinale destro dolente al tatto, mai il sinistro o altri linfonodi.
Mi sono ridotta anche a consultare carrellate di immagini online per cercare qualcosa che somigliasse al mio caso ma non ho trovato nulla.

Spero che possiate indirizzarmi verso uno specialista, un esame o un accertamento che possa aiutarmi a far chiarezza su questa situazione.
Attualmente sono in cura con il solito Aciclovir 800mg e Levofloxacina 500mg: anche i medici consultati non sanno più cosa consigliarmi e mi prescrivono farmaci "un po' per tutto".

Grazie per la possibilità che mi avete concesso con questo spazio.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentilissima

ha mai effettuato una visita venereologica? Deve sapere che questa confusa situazione dovrebbe trovare una via d'uscita: molto spesso le condizioni sono associate e a mio avviso l'esperto specialista venereologo è l'indirizzo migliore per ovviare a queste vicende apparentemente inestricabili

Cari saluti

Dr Laino
www.latuapelle.it
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Spett.le Dott. Laino,
la ringrazio per la celere risposta.
Ho già consultato due dermatologi con specializzazione in malattie veneree, uno in forma privata, e uno in un noto centro dell'ASL di Milano, credendo che, per tipologia di struttura, avesse avuto una esperienza più variegata.
Il primo ha sentenziato una aftosi genitale, il secondo una recidiva dell'herpes con conseguente prescrizione del solito Aciclovir.
Ma io spero, nel 2016, di non dovermi bombardare di Aciclovir ad ogni rapporto sessuale che ho, altrimenti faccio voto di castità (chiedo scusa per l'ironia, sono disperata).
Inoltre, il tipo di lesione mi lascia un po' perplessa circa la diagnosi di herpes, mancando la classica "bollicina sierosa che si rompe e lascia posto alla crosticina...".
La mia è una erosione con fondo grigiastro e dai metti bordi rosso vivo.

Non so se sia consentito da regolamento, ma se ha qualche riferimento di colleghi particolarmente attenti che lavorano nel milanese, sarei felice di contattarli per un consulto.

La ringrazio nuovamente.