Utente 465XXX
Salve, ho partecipato ad una giornata di screening per infezione e monitoraggio della malattia da PAPILLOMAVIRUS /HPV.
con visita ginecologica, pap- test , Colposcopia prelievo per HPV-DNA. Ho 31 anni e ogni 2 anni faccio il pap test, risultato sempre negativo.
Di seguito la descrizione dell'esame colpocitologico: sede del prelievo esocervicale-adeguato; agenti infettivi: flora batterica mista; cellularità: superficiale-intermedia; alterazioni e atipie cellulari: paracheratosi lieve-ipertrofia nucleare lieve; elementi non epiteliali: leucociti; negativa entro i limiti della norma; si consiglia di ripetere pap test fra 6 mesi.

Ricerca HPV-DNA/ genotipizzazione: risultato negativo

Risultato biopsia: minuto frammento bioptico di mucosa cervicale sede di displasia lieve ( CIN I) coilocitica dell'epitelio di rivestimento associata a fenomeni flogistico-erosivi e ad aspetti di metaplasia squamosa immatura.

Dopo questi risultati, il medico mi ha subito proposto laser terapia, una sola seduta della durata di 5 minuti senza anestesia con successivi ovuli per 13 giorni. Mi chiedevo fosse proprio necessario sottoporsi ad un intervento laser o magari è possibile una regressione spontanea considerata la negatività dei referti. Premetto che questi esami sono stati fatti tutti in un unico incontro e la colposcopia è stata fatta prima di avere esito del pap test. Mi chiedevo dunque se fosse stata necessaria la colposcopia se avessi fatto prima il pap test e fosse risultato negativo.
In ogni caso, leggendo leucociti, mi viene in mente infezione e vorrei capire se è legata a delle cistiti ricorrenti avvenute in questo anno .
Vorrei provare subito ad avere una gravidanza, quindi vorrei capire quanto è necessario il laser o se è necessaria una cura per questa presenza di flora batterica mista e leucociti e se prima di cercare una gravidanza, devo ripetere il pap test come richiesto. Grazie
[#1] dopo  
Dr. Cesare Gentili
28% attività
16% attualità
12% socialità
CARRARA (MS)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Poiché oltre la grande maggioranza di displasie lievi guarisce spontaneamente si preferisce non trattare queste forme.
Naturalmente la consulenza on line non può entrare nel merito di singoli casi non avendo conoscenza della clinica del paziente