Utente 256XXX
Salve dott. volevo riportarvi i risultati della mia risonanza magnetica:
La sequenza T2 sagittali evidenziano piccole iperintensità nodulari ,poste in sede di parete tratto di passaggio retto-sigma e compatibili per minuscoli impianti endometriosici meritevoli in relazione alla sintomatologia di algie pelviche,di monitoraggio ed eventuale ulteriore approfondimento diagnostico.
Non versamenti addominopelvici
Mi potete gentilmente spiegare cosa significa?
e cosa che mi preme di piu sapere ma si trovano dentro il retto o fuori nella parete??
cosa devo fare?? e a quale medio devo chiedere?
ho anche fatto il ca 125 ed è 11.
grazie...

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora
l'endometriosi è una patologia che può interessare multipli organi e richiedere l'intervento di molteplici specialisti. Inizialmente lo specialista più idoneo per l'inquadramento diagnostico-terapeutico è il ginecologo.
Le allego comunque il link di un interessante articolo scritto dal collega Francesco Quatraro su tale argomento.

http://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1664-endometriosi-intestinale-colon-irritabile.html

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Grz per la sua risposta,io sn stara dal ginecologo che mi ha consigliato la menopausa per sei mesi....leggendo l esito lei come vede la cosa?
Che mi consiglierebbe di fare?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2006
Gentile signora
forse non ha letto bene l'articolo scritto magistralmente dal collega Francesco Quatraro su tale argomento, che le avevo segnalato e mi pemetto di riportarne una parte significativa

"...Non esiste una cura specifica per l'endometriosi, la terapia mira soprattutto a ridurre il dolore e ad evitare l'infertilità. Durante la gravidanza, in genere la malattia migliora, come anche dopo la menopausa.

Farmaci

Si utilizza terapia ormonale per abbassare i livelli di estrogeni e ridurre il dolore, anche se non tutte le donne con endometriosi hanno dolore. Anche gli anti-infiammatori (FANS) possono esse utili per controllare il dolore...."

Per tale motivo la prescrizione di una terapia ormonale che "induca una menopausa per sei mesi" è il primo tentativo da fare per controllare il dolore e la malattia.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#4] dopo  
Utente 256XXX

Iscritto dal 2012
Avevo letto dottore é solo chela paura e il dolore avvolte nn ci fanno capire.....io la ringrazio tnt stamattina ho chiamato il mio ginecologo ....giovedi ho l appuntamento ,farô la cura per fermare il ciclo....grz ancora.....per noi è una fortuna incontrare anche virtualmente persone come voi....