Neurotrasmettitore [Psichiatria]

Definizione: Sostanza prodotta e liberata da uno o da un gruppo di neuroni, consente di trasmettere informazioni interagendo con recettori presenti su altri neuroni. Esempi sono la serotonina, la dopamina, la noradrenalina, il GABA, il glutammato, etc. (Dr. Vassilis Martiadis)

APPROFONDIMENTI

Articoli relativi a "Neurotrasmettitore"

  • Da Ippocrate ai giorni d’oggi: perché le persone reagiscono in modo diverso al tempo atmosferico?
    Psicologia - Quale legame esiste tra condizioni climatiche e stato di salute? L’articolo offre spunti interessanti volti all’analisi del quadro sintomatologico della metereopatia e del disturbo affettivo stagionale, compresi i fattori di vulnerabilità e di protezione correlata
     
  • Raccomandazioni nella terapia del disturbo di panico
    Psicologia - Nonostante siano necessari ulteriori studi per avvalorare le conclusioni di questo studio, si può raccomandare nel trattamento del disturbo di panico una terapia psicologica che sviluppi la cooperativà e l’autodirezionalità per proteggere il paziente dall’insorgenza di possibili disturbi di personalità correlati e che lavori sulla dimensione temperamentale di evitamento del danno. I risultati di questo studio suggeriscono, inoltre, che sviluppare durante una psicoterapia la competenza nel riconoscimento dei proprio vissuto emotivo e sensoriale può divenire un fattore protettivo nella insorgenza del disturbo di panico
     
  • Stimolazione vagale esterna e trattamento degli attacchi di emicrania
    Neurologia - Si commentano i risultati di un recente studio internazionale sull'utilizzo di uno stimolatore vagale esterno in pazienti emicranici discutendo dei possibili utilizzi nella popolazione emicranica
     
  • Colon Irritabile o Sindrome dell’Intestino Irritabile (IBS): quale terapia e quale dieta seguire
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - I sintomi della sindrome dell'intestino irritabile (IBS) possono spesso essere controllati cambiando/modificando dieta e stile di vita, insieme alla piena consapevolezza della propria condizione di malattia funzionale (e non organica) del colon. Non infrequentemente, però, possono rappresentare degli utili supporti i trattamenti farmacologici o psicologici.
     
  • Colon irritabile o sindrome dell’intestino irritabile: quali le cause e come fare la diagnosi
    Gastroenterologia e endoscopia digestiva - La Sindrome dell'intestino irritabile (IBS, Irritable Bowel Syndrome) è il disturbo gastrointestinale funzionale più studiato, caratterizzato dalla presenza di sintomi caratteristici: dolore addominale ricorrente o disagio addominale, in associazione con turbe dell’alvo (con predominanza di stitichezza o di diarrea). Colpisce in genere gli adulti di età compresa tra i 30 ed i 50 anni circa, con predominanza nel sesso femminile. Studi clinici dimostrerebbero che una percentuale variabile fra il 7% ed il 20% della popolazione adulta soddisfa i criteri diagnostici per IBS. La maggior parte di questi pazienti, tuttavia, ritiene di non doversi recare dal medico. L’impatto dell’IBS sul sistema sanitario è notevole, ad esempio, negli adulti, circa il 2 % delle visite di assistenza primaria e circa il 50 % delle visite specialistiche gastroenterologiche riguarda la valutazione di sintomi legati all’IBS. L’IBS è difficile da diagnosticare; ad oggi non vi sono cure specifiche, le strategie di trattamento sono “su misura”, improntate al controllo dei sintomi ed al miglioramento della qualità della vita nello specifico paziente, ricorrendo sia a misure dietetiche come anche alla farmacoterapia (psicofarmaci inclusi) ed alla psicoterapia
     
  • Il disturbo ossessivo compulsivo in età pediatrica
    Psicologia - Tutti i bambini hanno paure più o meno irrazionali, fanno parte del corso normale del loro sviluppo psicoaffettivo. è importante non confondere il disturbo ossessivo compulsivo (DOC) con i normali rituali messi in atto nell'età evolutiva
     
  • La depressione secondo l'approccio Gestaltico
    Psicologia - La patologia depressiva attualmente sembra essere una tra le più diffuse nel mondo, coinvolgendo milioni di persone con dei costi altissimi per la società.
     
  • Nuove terapie emergenti nel trattamento della disfunzione erettile (DE).
    Andrologia - Benché le terapie per risolvere i vari problemi che determinano un disturbo dell'erezione abbiano fatto passi da gigante, soprattutto negli ultimi due decenni, nessuna di queste è esente da effetti collaterali, controindicazioni in parte ancora da definire ed insuccessi da capire. Per questo motivo l’attesa sul possibile uso clinico di eventuali altri nuovi farmaci è alta e questo soprattutto per permettere all’andrologo di superare con protocolli di trattamento più mirati, specifici e su misura tutte le particolari situazioni cliniche e le esigenze specifiche di ogni singolo uomo che ha un problema ad avere una valida rigidità e quindi permettergli un regolare e tranquilla attività sessuale di tipo penetrativo.
     
  • Deficit erettile e mancanza del desiderio: quanto è dannosa la pornografia online?
    Psicologia - Molti ragazzi interpellano lo psicologo o l'andrologo lamentando un deficit dell'erezione e/o desiderio sessuale ipoattivo. Indagando sui comportamenti, si scopre che in molti casi è presente un uso o un vero e proprio abuso della pratica masturbatoria con l'aiuto di video porno di fronte al monitor.
     
  • Jet Lag possibilità di profilassi e terapia
    Medicina aeronautica e spaziale - Questa sindrome colpisce prevalentemente personale aviatorio, turisti e passegeri che attraversando diversi fusi orari, alterano determinati ritmi biologici mettendoli furi sincronia
     

Consulti relativi a "Neurotrasmettitore"

News relative a "Neurotrasmettitore"

  • Terapia degli acufeni: la speranza in un gene
    Audiologia e foniatria - I ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno messo in evidenza il primo gene che potrebbe essere protettivo per gli acufeni, percezioni sonore in assenza di stimolazione fisiologica, vale a dire quando nessun suono esterno è effettivamente presente. E' un problema comune che colpisce più di 1 persona su 10. Mentre molte pazienti imparano a convivere con esso, l'acu [continua...]
     
  • Cervello innamorato, cervello narcotizzato
    Psicologia - Neurofisiologia del cervello innamorato L'amore è come una droga: quante volte abbiamo sentito questa affermazione o ne abbiamo provato gli effetti sulla nostra pelle? Non si tratta solo di una metafora, ma di una verità dimostrata da studi neurologici effettuati sul cervello delle persone innamorate. Mediante la fMRI (risonanza magnetica funzionale), tecnica di neuroimaging usata pe [continua...]
     
  • Narcolessia, sindrome da eccessiva sonnolenza diurna
    Neurologia - La Narcolessia è una malattia cronica del sistema nervoso centrale. Il sintomo portante il disturbo ovvero la eccessiva sonnolenza diurna è rilevabile in tutti i pazienti affetti. Il disturbo può essere compreso nel più ampio gruppo delle ipersonnie e ne rappresenta la manifestazione clinica più severa ed invalidante. Mentre le Ipersonnie si caratterizzano per un [continua...]
     
  • L'ossitocina e l'effetto drink
    Psicologia - Un recentissimo studio, condotto dai ricercatori dell’università di Birmingham, ha evidenziato la presenza di significative similarità tra gli effetti comportamentali indotti dall’ossitocina e dall’alcool. La ricerca, presentata dalla rivista scientifica Neuroscience and Biobehavioral Reviews, si fonda sui risultati di precedenti studi, finalizzati ad analizzare le  [continua...]
     
  • Attenzione all'alcool per i futuri papà
    Andrologia - Questa indicazione emerge da uno studio tutto italiano, condotto dall’Istituto di Biologia Cellulare e Neurobiologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche in collaborazione con il Centro di Riferimento Alcoolico della Regione Lazio e pubblicato ora sulla rivista "Addiction Biology". Da tempo sono noti gli effetti negativi dell’alcool sulle mamme e queste sanno bene quanto importante & [continua...]
     
  • I farmaci anticolinergici sembrano aumentare il rischio di demenze
    Urologia - I farmaci anticolinergici sembrano aumentare il rischio di demenze; questa è la conclusione a cui sembra arrivare un ampio studio prospettico, condotto da ricercatori ed epidemiologi dell’Università di Washington e pubblicato in questi giorni sul Journal of the American Medical Association (JAMA) Internal Medicine.  Molecola di anticolinergico Questa ricerca ha coinvolto 3 [continua...]
     
  • Gli effetti della pornografia sulle relazioni sessuali ed affettive
    Psicologia -   L’avvento di internet ha facilitato l’accesso alla pornografia on line in modo vertiginoso e anonimo, rendendola fruibile in ogni momento della giornata. Questo fatto ha influito notevolmente sulle relazioni e sul modo di vivere la propria sessualità. Simone Kuhn, neuro scienziata del Max Planck Institute e Jurgen Galinat della Charite University hanno effettuato una rice [continua...]
     
  • Stress: quanta capacità abbiamo di resistergli?
    Psicologia - Quanta capacità abbiamo di resistere allo stress? Nella vita quotidiana ci troviamo ad affrontare molte sfide ed a convivere con alti livelli di stress. Quando questo si cronicizza può avere ripercussione sul nostro benessere sia fisico che psichico. Il più delle volte riusciamo a fronteggiare le difficoltà che ci capitano utilizzando al massimo le nostre energie. Tutt [continua...]
     
  • Ridere è una cosa seria
    Psicologia - Emisfero destro e corteccia cingolata: qui risiede il senso dell'umorismo e la capacità di relazionarsi con gli altri.   Nel recente libro Ha! La scienza di quando ridiamo e perché, il neuroscienziato americano Scott Weems analizza l'interessante processo che sta alla base del ridere umano. L'autore, che definisce la risata come uno spezzamento ripetuto dell'espirazione c [continua...]
     
  • Antidepressivi SSRI in gravidanza aumentano il rischio di autismo?
    Psichiatria - Un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, Baltimora (USA), ha pubblicato i risultati di uno studio dal quale emergerebbe un aumento del rischio di sviluppare disturbi dello spettro autistico e ritardo dello sviluppo psicomotorio, per i bimbi maschi nati da madri che hanno assunto antidepressivi SSRI, nel corso della gravidanza. Gli SSRI (inibitori selettivi d [continua...]
     

Consulti recenti su "Neurotrasmettitore"

  • Nessun risultato trovato.


  Il termine Neurotrasmettitore è stato visto 2450 volte.
 

Specialisti in Psichiatria:


Trova il tuo Psichiatra »

advertising
 

News dai blog degli specialisti:

ultima modifica:  11/10/2015 - 0,59         2000-2017 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. una società di CompuGroup Medical Italia SpA - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it -
Fax: 02 89950896        Privacy Policy