Lotta al COVID-19: vieni a combattere il gigante invisibile con me?

Dr. Antonio Valassina Data pubblicazione: 19 marzo 2020

Chiamata alle armi della pace in difesa della Salute nazionale: la sfilata di camion dell’esercito in una Bergamo buia e silenziosa segna il punto di non ritorno nell’immaginario collettivo e quindi anche del mio.

 

Ora bisogna fare l’impossibile per rispondere all’emergenza dell’Italia, della Lombardia e di Bergamo in particolare.

  1. Cominciamo con l’Ospedale da Campo degli Alpini che è di stanza a Orio al Serio a pochissimi chilometri da Bergamo.

Il progetto prevede l’installazione di un “ospedale leggero”, senza posti di terapia intensiva alla Fiera di Bergamo.

"Prevediamo il dispiegamento di parte del nostro ospedale leggero – spiega Sergio Rizzini, direttore dell’ospedale da campo Ana – e di buona parte dell’ospedale maggiore, la più grande struttura sanitaria campale d’Europa".

Obiettivo, ospitare i pazienti che si avviano alla guarigione. Niente terapia intensiva.

"Per quella non può andare bene la tensostruttura. Invece ci saranno 2 ambulatori, un container con la radiologia e uno per le analisi. Installeremo 12 tende, ciascuna divisa in due stanze da 4 posti: in tutto 96 posti letto con ossigeno".

E poi 4 tensostrutture per i pazienti meno gravi, con 200 posti letto. Ogni giorno vi lavorerà un centinaio di persone.

I sopralluoghi sono stati completati in poche ore e giovedì mattina all’alba le penne nere volontarie e i genieri dell’Esercito avrebbero cominciato a montare l’ospedale da campo nella Fiera di Bergamo, la città martire del coronavirus.

Ma tutto sembra destinato a saltare: la direzione della Protezione civile della Lombardia ha chiesto di fermare i lavori. Con una motivazione drammatica: non ci sono medici per farlo funzionare.

Del resto, l'Esercito ha pochissimi medici e infermieri avendo subito, come il SSN, moltissimi tagli in questi ultimi anni.

 

  1. Ospedale Fiera di Milano. Prende forma il ‘miracolo milanese’, per adesso con un prototipo di quello che sarà, con letti ben distanziati, spogliatoi, bagni.

 

Va avanti il progetto sui 20 mila metri quadrati dei padiglioni 1 e 2 del Portello a Fieramilanocity, voluto dal presidenteAttilio Fontana e dall’assessore al welfare Giulio Gallera, frenato da inciampi e polemiche per il mancato supporto di mezzi e medici, da parte della Protezione Civile, senza il quale sembrava non si potesse partire.

Quello che si vede adesso è un prototipo di modulo ospedaliero predisposto da Nolostand, società del Gruppo Fiera Milano: una grande ‘scatola’ bianca di 30 metri per 6, con all’interno i letti e un lavandino, e poi spogliatoi spaziosi e bagni per uomini e donne e con docce.

Questi moduli/container, saranno appositamente attrezzati e capaci di ospitare fino a 10 pazienti ognuno, di cui 4 per la terapia intensiva e 6 per quella sub-intensiva, realizzando complessivamente quei circa 400 posti letto destinati alle cure dei pazienti coinvolti nell’emergenza Covid-19.

Con le donazioni private il nodo della mancanza di attrezzature sembra superato.

 

Ma il problema cruciale per entrambi è la mancanza di personale.

asportazione chirurgica della prostata

Per il primo, senza Terapia Intensiva, non servono anestesisti, ma pneumologi, infettivologi ed epidemiologi.
In estrema ratio qualunque medico di qualunque specialità può aiutare in un’emergenza estrema come quella attuale.

Allo stesso modo si possono trovare infermieri, tecnici e personale sanitario che, attualmente in pensione, sono disponibili ad impegnarsi a farlo partire. Bisogna richiamare, inoltre, in servizio tutti gli specializzandi, soprattutto quelli delle discipline internistiche, che, a causa della chiusura o riduzione dei loro reparti sono a casa oppure sotto-utilizzati.

Per il secondo servono necessariamente medici Anestesisti/Rianimatori e infermieri specializzati con esperienza nei Reparti Intensivi, Servizi di Emergenza/Urgenza e Sale Operatorie.

Qui non esistono alternative. Va richiesto il ritorno in servizio dalla pensione di tutti i medici e del personale con queste qualifiche.

Considerata l’età di questo personale, a maggior rischio, coloro che accetteranno firmeranno una liberatoria verso l’Amministrazione e avranno a tutela una Assicurazione speciale contro il rischio di malattia/morte. Direi che questo è il minimo che si può offrire, oltre allo stipendio, a chi ha già dato tutta la vita al SSN.

Inoltre, va superata ogni ultima resistenza ideologica e politica chiedendo a MSF Italia e Emergency e a tutte le ONG italiane di mettere a disposizione i loro medici, infermieri e personale tecnico che hanno un’esperienza enorme in teatri di guerra ed epidemie, utilissime in questo scenario.

Queste ONG hanno già dato, entrambe, la loro totale disponibilità.

Perché non utilizzarle prima di chiamare i medici cinesi e cubani che hanno già problemi enormi a casa loro?

Ma è ora di scendere uniti in campo subito e ora contro questo gigante invisibile che fa paura. David lo ha affrontato, vincendo, immortalato dal genio italiano di Michelangelo.

E tu? Sei disposta/o a collaborare?

 

Autore

antonio.valassina
Dr. Antonio Valassina Ortopedico, Chirurgo vascolare

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1978 presso Università Cattolica del S. Cuore.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 34117.

3 commenti

#2
Dr. Antonio Valassina
Dr. Antonio Valassina

Inserisco qui l'Appello del Governo tramite la Protezione Civile al reclutamento di 300 medici per la Lombardia. In fondo il link per l'adesione. Io mi sono iscritto.

Medici per COVID
Sei un medico? Il tuo aiuto è importante per l’emergenza Coronavirus

E’ stata avviata la costituzione della task force di 300 medici che opereranno a supporto delle strutture sanitarie regionali per l’attuazione delle misure necessarie al contenimento e contrasto dell’emergenza COVID -19.

Se vuoi dare il tuo contributo, compila il form per dare la disponibilità a prestare la tua attività presso le Regioni maggiormente colpite.

Se il tuo profilo sarà ritenuto idoneo verrai contattato da Dipartimento per definire nel dettaglio le modalità di impiego.

Ti ricordiamo che la partecipazione alla task force sarà obbligatoria per il datore di lavoro fatta eccezione per le strutture convenzionate per le quali la possibilità di far parte della task force avviene su base consensuale con il proprio datore di lavoro.

La partecipazione alla task force prevede, inoltre, il rimborso delle spese di viaggio ed una indennità forfettaria per ciascuna giornata prestata, nella misura indicata nella Ordinanza allegata.

Infine si evidenzia che le Regioni provvederanno alla sistemazione alloggiativa.

Link: https://medicipercovid.protezionecivile.it

#3

Caro Antonio,
innanzi tutto la mia solidarietà a te per la tua scelta e mi rammarico che io non ho potuto dare la mia disponibilità esclusivamente per problemi di salute in famiglia.
Vorrei aggiungere una cosa che non capisco: van bene gli ospedali da campo, va bene tutto ciò che si sta facendo, ma perché non requisire MANU MILITARI cliniche e ospedali privati convenzionati e non.
Perché per le strutture convenzionate per le quali la possibilità di far parte della task force avviene su base consensuale con il proprio datore di lavoro.?
NO NO e poi NO

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Il Covid-19 è la malattia infettiva respiratoria che deriva dal SARS-CoV-2, un nuovo coronavirus scoperto nel 2019: sintomi, cura, prevenzione e complicanze.

Leggi tutto

Guarda anche coronavirus 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Medicina interna?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati