Utente 433XXX
Salve, da anni soffro di una dermatite che mi colpisce dal bacino in giù, con bolle (forse lichen planus a detta di uno dei dermatologi che mi ha visitato), brufoli, arrossamenti e forte prurito. Ultimamente ho anche attacchi d'asma che non avevo da tanti anni. Gli sfoghi vengono sempre e soltanto dopo aver assunto alimenti. Dalle ultime analisi prescritte dal gastroenterologo che mi segue non risulta infiammazione all'intestino (no calprotectina, no parassiti e sangue nelle feci, ASCA ANCA negativi) ma ci sono le IgE a 755. Posto che sono un forte soggetto allergico (parietaria e graminacee) e che però il prick test agli alimenti era risultato negativo, vi domando:

- è il caso di fare un Rast test o il Faber test per capire se c'è una qualche molecola alimentare che mi provoca tutto questo?

-il Prick test può dare falsi negativi?

- essendo fortemente allergico alle graminacee, può il frumento causare una reazione crociata e scatenare una reazione allergica?

-le IgE così alte indicano che è in atto una reazione allergica o possono esserlo solo perché sono un soggetto atopico?

Grazie mille, un saluto.
Giuseppe

[#1]  
Dr. Paolo Fancello

24% attività
20% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile Giuseppe, le IgE totali sono un valore geneticamente determinato che possono avere delle variazioni in più o in meno a seconda dell'espozione agli allergeni responsabili, ma rimarranno più o meno ai valori dosati. Non ritengo che i sintomi cutanei da lei lamentati siano da attribuire ad allergia alimentare, perchè pur potendo dare sintomi cutanei, l'allergia alimentare IgE mediata è sempre una reazione immediata che esordisce nei casi lievi con sintomi a carico del cavo orale (prurito, in bocca, al faringe), e solo in rari casi gravi evolve con interessamento della cute o dell'apparato respiratorio, o gastroenterico,o addiritturqa con ipotnsione , perdita di coscenza ecc. Tutti i test in medicina possono dare falsi negativi e falsi positivi compresi i prick. Io le consiglerei di far valutare una diagnosi diversa dall'allergia alimentare.
Dr. Paolo Fancello specialista in allergologia ed immunologia clinica

[#2] dopo  
Utente 433XXX

Grazie per la risposta. Ma quindi non può esistere un'allergia che provoca sintomi dermatologici ma non al palato? Lei il FABER test lo consiglierebbe ugualmente? Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Fancello

24% attività
20% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
I sintomi devono essere immediati nelle forme tipiche è tipicamente interessano prima il cavo orale. In assenza di questo passaggio entriamo in meccanismi differenti. Non farei il faber.
Dr. Paolo Fancello specialista in allergologia ed immunologia clinica

[#4] dopo  
Utente 433XXX

Allora cosa mi consiglia di fare? Avrei bisogno di un suggerimento da questo punto di vista, non chiedo soluzioni. Se lei avesse un paziente che ha il mio stesso quadro sintomatologico , che ha già effettuato prick test, patch test e una serie di esami del sangue che non indicano alterazioni in ambito intestinale ma solo IgE a 755 ed eosinofili a 6, cosa farebbe? Grazie

[#5]  
Dr. Paolo Fancello

24% attività
20% attualità
12% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile utente , le ho già consigliato di valutare altre possibilità che non siano alimenti. Le IgE totali elevate sono presenti nelle allergopatie respiratorie, e così anchegli eosinofili, ma nn per questo le ma nifestazionicutaneee devono essere delle allergie, quindi chiederei un consulto dermatologico
Dr. Paolo Fancello specialista in allergologia ed immunologia clinica

[#6] dopo  
Utente 433XXX

Già fatto caro Dottore, più e più volte. Un cordiale saluto