Utente 184XXX
Buongiorno.
Su consiglio del mio andrologo, a causa di un deficit erettile occasionale associato a un drastico calo del desiderio (ansie, preoccupazioni, e pensieri depressivi), ho provato 6 volte il levitra 20mg e 2 volte cialis 20mg. Faccio presente che l'ecodoppler dinamico è negativo e devo fare gli esami del sangue col dosaggio ormonale.

E' difficile valutare l'effetto dei farmaci in poche volte, ma la sensazione è che il levitra abbia un effetto più esplosivo, al contrario del cialis che ha un effetto magari meno intenso ma più duraturo.
Il problema ora è proprio questo: programmare un rapporto è già poco piacevole, e paradossalmente lo carica di ansia, che come tutti sanno può inficiare l'effetto del farmaco; se poi un paziente inizia a chiedersi QUANTO durerà....a che ora deve prenderlo, quanto deve prenderne....si finisce per vivere poco bene la cosa.

Nel mio caso, non sono ancora riuscito a valutare la durata del levitra: la prima volta che l'ho assunto mi è sembrato che l'effetto fosse di almeno 12-14 ore, ma poi, forse condizionato da quanto ho letto su internet, mi sono abituato a pensare a 5 ore...
Nel caso del cialis, per circa 14 ore ha fatto effetto, nel senso che nell'arco di queste ore ho avuto due rapporti, ma il fatto che un terzo rapporto dopo le 14 ore non sia andato a buon fine (assenza di erezione) mi ha fatto sorgere seri dubbi sulla durata tanto sbandierata di 36 ore....

Quello che mi chiedevo, a questo punto, è se anziché prendere 20mg di levitra e sperare in un'"autonomia" di 5 ore, potessi invece prenderne 10mg subito e 10mg a distanza di 7-8 ore. So che è consigliata l'assunzione del levitra una sola volta ogni 24 ore, e so che non c'è un effetto di accumulo, ma nell'idea di prolungarne l'effetto, e ottenere un'azione simile per durata a quella del cialis, mi chiedevo se in base al meccanismo di funzionamento del levitra, si potesse procedere in questo modo, o se invece è meglio andare sul cialis, che in ogni caso garantisce un'effetto più prolungato.

Sottolineo che sia col levitra che col cialis sono partito da 20mg; mi chiedo se sia possibile spezzare la pastiglia, sia per assumerne la seconda metà in un altro momento, sia un un'ottica di risparmio.

[#1] dopo  
Dr. Aldo Di Filippo

24% attività
0% attualità
8% socialità
TARANTO (TA)
GALATINA (LE)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Ho impressione che lei abbia una visione del rapporto sessuale più a tipo attività ginnica che un piacere di coppia.
Capisco il suo interesse per la situazione ma mi consenta di consigliarle di approcciare il rapporto sessuale con maggiore tranquillità.
Il rapporto sessuale è un piacere, è la stretta vicinanza con un'altra persona alla quale, verosimilmente troppe elucubrazioni mentali non fanno piacere.
Oltre al fatto che sarebbe stato importante conoscere la sua età, innanzi tutto è bene precisare che non si può prescindere dalla presenza del desiderio sessuale e da una stimolazione sessuale adeguata, e qui entra in gioco l'atteggiamento della persona con cui ha rapporti.
Prima di iniziare un rapporto deve chiedersi se è il momento opportuno per lei e per l'altra parte ovvero se si è creato un clima di adeguata complicità. Senza ciò e meglio evitare di assumere la compressa che, sia chiaro, non ha alcun effetto senza il clima di adeguata stimolazione.
Tenga presente che il rapporto sessuale è uno, il primo, mentre attività successive non hanno certo suffiente stimolazione. Deve passare del tempo dopo il primo rapporto, variabile secondo l'età e la spinta sessuale, individualmente.
Consiglio:
- attendere e creare la situazione adeguata al momento adeguato.
-Assumere una compressa di quello che le sembra più adeguato alle sue aspettative ma alla dose maggiore (Tipo Cialis o Levitra 20 mg) e lo asumma per 3-4 volte per essere certo che le vada bene.
-Se il risultato di tali rapporti è stato valido può prendere metà compressa o una da 10 mg. Qualora dopo altre 3-4 rapporti il risultato sarà ancora valido può ridurre ancora la dose.
-Il rapporto è uno, se successivamente comparirà nuovo interesse per entrambi, ma dopo tempo adeguato, come detto prima, potrà nuovamente avere rapporto.
-Tenga presentre che se il rapporto è stato condotto con serenità, senza ansie, sarà soddifacente per entrambi e non ci sarà bisogno di un secondo. Nel nuovo rapporto a breve tempo, il pene non raggiunge la rigidità del primo ne la stimolazione sarà quella del primo per cui spesso è esperienza poco piacevole.
Il resto sono solo cose di poco conto che si trovano in rete. Attenzione alla pubblità che vuole spingere all'utilizzo di farmaci o persone che pensano di dispensare saggezza ad altri non avendone per se stessi.
Saluti
Dr. Aldo Di Filippo
Andrologia Ginecologia Urologia
Fecondazione assitita