Utente 475XXX
Buongiorno,

sono un ragazzo di 36 anni e sto insieme a una splendida ragazza da quasi un anno e mezzo. La nostra attività sessuale è un po' calata rispetto al periodo iniziale, ma questo è lo sviluppo naturale della coppia. Il primo periodo è sempre caratterizzato da una forte e frequente attività, dopodiché si normalizza. Da dopo l'estate, in cui il sesso è stato di nuovo molto attivo, da circa 3 mesi sono piombato in alcune defaillances che mi hanno messo in imbarazzo e alla ricerca di soluzioni naturali per risolvere il problema. Ho preso dunque estratto di ginseng puro, L-Arginina, polvere di Moringa, però in questi ultimi 3 mesi, in una media di 3 rapporti, almeno 1 è stato un fallimento. E gli altri avvengono o con un'erezione non totalmente solida o con un'eiaculazione veloce.
Da dopo l'estate la mia ragazza ha smesso di prendere la pillola e ora lo facciamo un po' col preservativo e un po' col coito interrotto e il cambio di abitudine ha forse abbassato un po' la libido. Detto questo, vorrei capire se la causa di questi fallimenti troppo frequenti sia psicologica o fisica..con la mia ragazza abbiamo in ballo di andare a convivere entro pochi mesi e questo sicuramente un po' di ansia la può generare..però lei è perfetta ed è quella giusta per me. Non voglio dovermi trovare ad avere paura di perderla per questo problema. Oltretutto, i prodotti menzionati qui sopra, possono apportare effettivamente un beneficio alla libido o alle mie erezioni? Io non ho notato un grosso miglioramento da questo punto di vista.
Rimango in attesa di una vostra gentile risposta, grazie.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
PARMA (PR)
CHIAVARI (GE)
CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gent.mo utente

il consiglio è di effettuare una visita specialistica per chiarire se fosse presente una problematica organica e quindi capire se e fino a che punto possa essere interessata anche la parte psicologica e nel frattempo interrompere autoterapie che possono solo aumentare lo stato emotivo.

Un cordiale saluto
Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it