Utente 489XXX
Gentilissimi medici.
Da dopo i 30 anni ho cominciato a soffrire di fuga venosa, verificata da ecodopler dinamico, con tutto quel che comporta ( difficoltà a mantenere l’erezione, progressiva mancanza di erezioni mattutine ) Fortunatamente rispondevo beve al Viagra anche con una posologia bassa (25 mg).
Meno di due anni fa mi sono operato ad un varicocele di 3º grado con legatura bassa della vena spermatica. Da quel momento sono tornato a 10 anni fa. Il chirurgo mi ha spiegato che in alcuni casi un varicocele importante potrebbe portare ad una decongestiona dei vasi sanguigni che generano il fenomeno della fuga venosa.
Prima dell’opetazoone Ho fatto tutti gli esami ematici di routine più ormonali;tutti nella norma.
Le domande che pongo sono 2:
Può esserci correlazione tra due problemi: varicocele/fuga venosa?
L’effetto miracoloso durerà o devo aspettarmi una ricaduta?
Cosa ne pensano i dottori Cavallini e Pozza?
p.s. Fin da giovanissimo e anche dopo l’operazione, nella posizione eretta, e solo in quella ho avuto problemi di erezione, più che a mantenerla a raggiungerla.
Grazie per la pazienza.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
[#2] dopo  
Utente 489XXX

Non riesco ad aprire il 2° ed il 3° link, nel primo mi pare di aver letto sostanzialmente che è una questione psicologica e non organica. Nel mio caso se avessi avuto l’ansia o se il problema fosse causato da uno stato ansiogeno me ne sarei accorto.
Non dico che la fuga esista o meno non sono un medico, ma posso dire con certezza che il problema non era causato dall’ansia che di certo peggiora; anzi, dopo l’operazione mi sono trovato in una situazione dove non avevo i farmaci e di conseguenza un po’ di ansia c’era, la ruspante stavè stata soddisfacente.
Il mio rimarrà un mistero.
Comunque la ringrazio per la celere risposta.
Cordialità.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
No non se ne sarebbe accorto alla ansia ci si abitua. Poi se si affeziona ad una diagnosi è problema suo.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 489XXX

Non posso farmi una diagnosi, ma di certo posso raccontare i sintomi.
Io spero che lei abbia ragione sulla fuga venosa e spero che nel mio caso era solo una questione di decogestione; di certo la medicina viaggia ancora nel mondo della doxa.
La ringrazio per il servizio che lei e i suoi gentili colleghi prestano.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente 489XXX

Se ci fosse qualche altra considerazione da qualche altro gentilissimo medico ne sarei felice.
Cordialità.

[#6] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Non mi è sicuramente chiara nel suo caso la correlazione tra correzione del varicocele e difficoltà erettile; l'unica spiegazione che mi do è che se il varicocele le dava molto fastidio (silenzia/dolore) e l'intervento ha eliminato questo fastidio ciò potrebbe spiegare il miglioramento del quadro, che nel suo caso sarebbe permanente.
Cordialmente,

Dott. Edoardo Pescatori
www.andrologiapescatori.it

[#7] dopo  
Utente 489XXX

Non ne ho idea ma la differenza è notevole. Il medico in questione conosce molti casi analoghi, mi ha dato una spiegazione inerente “ all’idraulica”; quel che so è che adesso funziona.
Riguardo la difficoltà dell’erezione in pozione sa dirmi qualcosa?
La ringrazio in anticipo.

[#8] dopo  
Utente 489XXX

Comunque in letteratura qualcosa c’è: “ Andrologia vascolare. Varicocele-impotenza”
(Andrea Ledda)

[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Si 27 anni fa. Forse una visita da esperto collega. Comunque sono d accordo con lei: trovare una collusione medica è dura
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#10] dopo  
Utente 489XXX

riguardo la posizione eretta, qualcuno sa darmi spiegazioni in merito o anch’essa è una questione psicologica?
Grazie.

[#11] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Buonasera,
Anche io non credo nella foga venosa, tra l’altro rivisitata ed aggiornata da studi recenti ed autorevoli .

Le allego del materiale da poter consultare e le suggerisco una consulenza specialistica

https://www.valeriarandone.it/disfunzione-erettile-impotenza/

La diagnosi dovrà essere andrò-sessuologica altrimenti se me perde un pezzo!


https://www.valeriarandone.it/disfunzioni-sessuali-maschili/sessuologia-andrologia/
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#12] dopo  
Utente 489XXX

Non credo che mio caso la psicologia centri molto. Condivido il materiale che ha esposto nel suo sito.