Utente 922XXX
Salve Gentili Dottori,
Per esporre rapidamente il mio problema: frequento da ormai quattro mesi, fra alti e bassi, una ragazza che mi piace molto ma con cui non riesco ad avere una buona intesa sessuale, è praticamente la seconda ragazza con cui “sto” in maniera quasi stabile, l’ultima volta risale a 13 anni fa... e quella era la mia prima ragazza nonché la mia prima esperienza sessuale completa(per lei non era la prima). In mezzo praticamente il vuoto. La prima volta ovviamente ho avuto subito l’orgasmo, la seconda non sono riuscito nella penetrazione, adesso vogliamo riprovarci consci, magari erroneamente, che da questo dipenda la prosecuzione del nostro rapporto, l’accendere la passione. Potrebbe anche non esserci la condizione mentale per andare avanti, ma il volere a tutti i costi soddisfarla ovviamente genera in me un’ansia anticipatoria terribile. Faccio terapia da un paio di mesi, nessuna patologia, nessuna disfunzione fisiologica seppur non accertata clinicamente. Durante i preliminari nessun problema erettivo, idem durante la masturbazione. Fumatore, molto poco sportivo. Quello che volevo chiedere è se potesse essere opportuno provare la combinazione tra un farmaco (cialis direi) e i preservativi ritardanti, posto che entrambi vogliamo riprovare e posto che fra virgolette spetta a me il compito più arduo. Non ho mai vissuto bene la sessualità come è evidente, ma per il mio essere uomo è molto importante riuscire ad avere del buon sesso a prescindere da questa relazione.
Spero di essere stato chiaro e spero in una sua risposta.

Grazie

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si pasticci da solo e senta ora in diretta, in primis, il suo andrologo di fiducia.

Tutto quello che ci racconta farebbe pensare ad un importante problema psicologico e relazione e, se ciò viene verificato, potrebbe essere utile anche una attenta valutazione da parte di un esperto psicologo.

nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html

https://www.medicitalia.it/blog/andrologia/5167-10-consigli-mantenere-erezione.html

https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com