Cicatrice fimosi

Buonasera, circa 2 mesi fa, mentre facevo una doccia, mi sono accorto che la cicatrice che uomini seguito ad un intervento a fimosi, fatta circa 18 anni fa, è leggermente gonfia e ipersensibile al tatto.
Ho consultato diversi specialisti tra cui urologi e un dermatologo e la risposta è stata la stessa: è un leggero gonfiore ma niente di preoccupante e la cura è stata sempre crema al cortisone e crema idratante.

Non trovando risoluzione al problema, mi sono rivolto all'ennesimo urologo, che mi ha suggerito di fare un piccolo intervento, specificando che si tratta di un intervento a livello ambulatoriale, che consiste nella rimozione di "quella pelle in più" che strusciando (anche sfiorando l'interno della mutanda quotidianamente), mi provoca fastidio (pizzicore).
È possibile che una cicatrice di 18 anni fa si sia gonfiata in seguito a qualche episodio, esempio un rapporto poco lubrificato con la mia ragazza?
L'intervento suggeritomi dallo specialista lo valutate valido, oppure oltre all'intervento e alle varie cremine c'è un' altra soluzione?
Grazie mille a chi risponderà, sono 2 mesi che cerco una soluzione...
[#1]
Dr. Giuseppe La Pera Andrologo, Urologo 134 6
gentile utente difficile senza poter valutare le condizioni del suo pene dare una risposta alle sue legittime preoccupazioni . Mi domando se la terapia con cortisone abbia avuto un certo effetto perché questo indirettamente ci può dare una idea di quale possibile sia la diagnosi. inoltre va precisata la concentrazione del cortisone nelle creme che le hanno prescritto.

Dr. Giuseppe La Pera.
Specialista in Urologia ed Andrologia
www.giuseppelapera.it
https://giuseppelapera.it/circoncisione-come-affrontare-sen

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa