Leucociti e astenospermia spermiogramma

Cari dottori, vi prego di chiarirmi le idee.

Vi spiego la mia storia ho 30 anni, circa 8 anni fa sono stato operato di varicocele Dx di 3 grado.

Già all’epoca, oltre al varicocele, il mio urologo con la visita digitorettale mi disse che avevo una leggera prostatite e che la prostata era infiammata.
Per anni peró non ho avuto problemi.

Mi sono sposato 5 mesi fa e sto provando a concepire con mia moglie.

E dopo qualche settimana dal matrimonio ho avuto dolori alla zona del perineo con continui indolenzimenti e pesantezza.
Sensazione di avere gocce di pipì all’interno dell’uretra.
E aumento del bisogno di fare pipì rispetto a prima.
Mi sono recato dallo stesso urologo, che mi operò di varicocele, che con la visita digitorettale mi ha detto di avere la prostata infiammata e non avendo mai fatto uno spermiogramma dall’epoca dell’intervento mi ha consigliato di farlo dato che come vi dicevo prima io e mia moglie stiamo provando...
Inoltre per la prostata mi ha detto di fare anche spermiocoltura e tampone uretrale.


La spermiocoltura e il tampone uretrale con ricerca di micoplasma, gonorrea e germi patogeni sono usciti negativi e non ho batteri.
Ho quindi secondo il mio urologo una prostatite non batterica.


Per quanto riguarda lo spermiogramma invece ho la motilità totale 42% e motilità progressiva 17% quindi ho una astenospermia di media entità.

Mentre la morfologia a detta del mio urologo è eccellente.

Inoltre, dato che a me preoccupa, sono i leucociti che sono 5 milioni.
(Molto probabilmente proprio a causa della mia prostata infiammata)
Lui dice di non essere particolarmente preoccupato e che per l’intervento che ho avuto qualche anno fa e in relazione agli esami fatti 8 anni fa non è così male.

Mi ha detto che la mia prostatite non è batterica e mi ha prescritto permixon per 3 mesi e supposte orudis se dovessi avere dolori al perineo piu forti.

Per la motilità invece mi ha detto di prendere genante compresse 2 al gg.
Per 3 mesi.


Io sono preoccupato per la presenza di leucociti, per i continui dolori al perineo che sono davvero fastidiosi e per la motilità.

Vorrei riuscire a concepire e vorrei capire se tutto questo possa portare problemi di fertilità.


Vorrei un vostro parere in merito alla mia vicenda.


Grazie anticipatamente per la pazienza di aver letto la mia storia.
[#1]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9,3k 184 3
Gent.mo utente

per capire se esistono problematiche riproduttive oltre a descriverci nella sua interezza l'esame seminale indispensabile per chiarirne l'attendibilità, servirebbero anche gli esami ormonali specifici, anch'essi indispensabili per capire il corretto funzionamento della ghiandola testicolare oltre ad un evetuale ecocolordoppler per verificare se siano presenti ancora dei reflussi venosi.

Un cordiale saluto

Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Prima di tutto grazie per la solerte risposta Dott. Maretti.
Il mio urologo come spiegavo mi ha detto di stare tranquillo e che ci vuole pazienza. Non mi ha prescritto ulteriori esami.
E mi ha dato solo la cura a base di integratori per la prostata come il permixon e per la motilità come genante.

Per quanto riguarda lo spermiogramma :

-Giorni di astinenza 3
- colore Biancastro
-fluidificazione completa
- Viscosità diminuita
-volume 3.0
- ph 8
-concertazione 62.0
-cst 186

-Motilità totale 42
-Motilità progressiva 17

Morfologia:
-normali 25
-immaturi 25
- anomali 50
Anomalia testa 20
Anomalia code 20
Tratto intermedio 10

- agglutinati presenti
-cellule rotonde 2.0

- Leucociti 5.0
-eosin test 58

-swelling test 60

Nel commento si legge:
Astenozoospermia di media entità
Diversi spermatozoi mostrano alterazioni morfologiche sia a livello della testa (macrocefali, forme tapered) che della coda (flagello lungo, code doppie)
Viscosità leggermente diminuita
Presenza di alcuni aggregati e di rare agglutinazioni

Questo è tutto.

Inoltre mia moglie h fatto una visita dal ginecologo che ha detto che per quanto riguarda lei è tutto ok. Le ha dato da fare gli esami degli ormoni e la prolattina è leggermente alta: 31
E ha detto di prendere dostinex mezzacompressa a settimana se non erro.

Non so se da queste ulteriori informazioni che vi ho fornito possiate darmi una valutazione più specifica.
Inoltre vorrei capire non solo per la mia feritilita ma anche per quanto riguarda la prostatite se posso fare qualcosa perché in alcuni momenti della giornata è davvero poco sopportabile. Considerando che sto in piedi per 8 ore e diventa davvero pesante .
[#3]
Dr. Carlo Maretti Andrologo, Sessuologo 9,3k 184 3
Gent.le utente

per la sua prostatite si deve affidare al suo urologo che visitandola ha potuto fare una valutazione diretta e quindi impostarle una terapia che è sempre molto soggettiva e ripeto, dipende dall'esame obiettivo eseguito.

Per la fertilità le ho già sottolineato cosa serve per fare una valutazione della fertilità di un maschio oltre alla visita obiettiva.

Per la sua compagna si affidi alle indicazioni del ginecologo che conosce la storia clinica di sua moglie.

Ancora cordialità

Dott. Carlo Maretti
Specializzato in Andrologia
www.andrologia-online.it

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test