Utente
Salve, sono un uomo di 37 anni con svariati problemi o scompensi collegati allo stato nervoso.
Per il mio lavoro mi ritrovo a stare spesso per mesi fuori di casa all'estero, come adesso che risiedo nel Regno Unito.

Mi e' stata diagnosticata una forte ipertensione in Italia due anni fa che ha portato medico e specialisti a dirmi esclusivamente "stai calmo" e ha fruttato 5mg di ramipril a giorno vita natural durante.
Nonostante le copiose visite, ecg perfetti, sale ridotto, dieta idem, attivita' fisica ecc.. mi ritrovo a vivere con 90/100 di minima e140/160 di massima con la pillola inclusa ogni giorno.

Da qualche settimana noto un appesantirsi del petto, fastidi stile pelle d'oca o calore a mani e braccio sinistro e testa che all'improvviso mi duole o da sensazioni di pelle d'oca sui lati.

Ho effettuato svariate analisi al sangue negli ultimi mesi qua in UK per cercare qualche sintomo organico e tutto, tutto e' perfetto; l'altro giorno la visita cardiologica mi ha fruttato una richiesta di holder da 24 ore per agosto e la necessita' di sopendere ramipril per il prossimo mese.
Ho sospeso anche quella singola sigaretta settimanale che fumavo al venerdi sera ma dopo qualche giorno senza ramipril inizio ad avere sintomi sempre piu' brutti e pesanti anche mentre sono seduto alla scrivania a lavoro.

Pensate che debba ricominciare almeno con ramipril nonostante quello che mi e' stato detto dai medici che sembrano navigare al buio qua in uk facendomi tante analisi inutili sempre degli stessi elementi ad ogni visita , gli stessi esami come se ripartissi ogni volta da zero ad ogni visita?

L'ultima visita del cardiologo sono stato , sotto ramipril con due misurazioni a distanza di 10 minuti da 160 con 100 e 150 con 98, il che, vista la mia eta' non mi fa scendere l'ansia.
In famiglia ho solo come casi comuni quello di mio padre che ha iniziato con le pillole della pressione a circa 50 anni e ancora oggi le prende giornalmente.

Aggiungo come parentesi che procede anche la mia indagine per un possibile IBS che mi perseguita da quando ho ricominciato a vivere in UK.

Saluti e vi ringrazio per una vostra eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il Ramipril e' un eccellente ACE inibitore ma va assunto a dose congrua, almeno 5 mg due volte al di

Altrimenti, per restare sempre nella stessa famiglia di farmaci, puo' essere impiegato il Lisinorpil al dosaggio di 20 mg una sola volta al mattino, il che formnisce una copertura di circa 24 ore

Cordialita'

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la sua attenzione dottore.

In attesa di questa giornata con l'holder da 24 ore (fra almeno 1 mese) pensa che sia accorto sospendere come da richiesta il ramipril visti i livelli gia alti della pressione e i ricorrenti sintomi elencati ?

Ho gia saltato 4 giorni e nonostante abbia definitivamente finito di fumare sigarette e/o sigarette elettroniche con nicotina, abbia iniziato a fare di nuovo sport, sento spesso questa sensazione di improvvisa ansia/peso sul petto con i battiti piu' forti unita agli altri sintomi citati.

La ringrazio ancora per la risposta e le auguro una buona giornata.

Saluti,
Giuseppe

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L' Holter rpessorio puio' essere prescritto in due situazioni:

1- per verificare se il soggetto sia davvero iperteso (ed allora va eseguito senza terapia)

2- per verificare se la terapia in atto sia adatta a quel paziente (ed allora ovviamente va eseguito in terapia)

Quindi lei , essendo iperteso nonostante la terapia in atto, dovrebbe eseguire un Holter pressorio (in realta' si chiama ABPM) con una nuova terapia

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Rinnovo i ringraziamenti e ...

quindi, vedendomi dichiarato iperteso in Italia dopo un primo test con l'ABPM , e vedendo che qua non sono interessati ai risultati italiani e vogliono ripeterlo, togliendomi appunto per verificare la mia condizione le pillole, non incorro in possibili picchi di pressione rinunciando alla terapia dopo piu' di un anno e mezzo sotto pillole?

Questa rimane la mia preoccupazione, potrei soffrire di questo improvviso stacco per un lungo periodo?

Le propongo la domanda perche' purtroppo qua, avendo cambiato residenza negli ultimi 3 mesi, la precedente indagine corredata da analisi al sangue complete e visita cardiologica, sembra essere sfumata e diventata inutile e mi ritrovo a dover ricominciare la trafila, vedendo questa sospensione come un tentativo random del nuovo cardiologo nonostante le innumerevoli visite precedenti nell'altro ospedale, tutte con risultati organici perfetti in tutti i test.

Cordiali Saluti,
Giuseppe

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
In realta' il dosaggio del Ramipril che sta assumendo e' molto bassa e pertanto non dovrebbe riscontrare valori pericolosi.

Il problema e' che sara' un esame inutile dal momento che gia sotto terapia lei risulta iperteso e quindi lo sara' a maggior ragione senza terapia.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore.

Immagino la soluzione migliore sia di stare senza pillola fino all'inutile holder per inizio Agosto, e poi, se la pressione fosse davvero alta, in attesa della visita prenotata per fine settembre, iniziare ad andare di 10mg al giorno.

Una buona giornata,
Giuseppe

[#7] dopo  
Utente
Salve dottore.

Sono piu' di due settimane che non fumo e la pressione senza pillola sta sempre fra i 120 140 di massima e 80 100 di minima.

Due giorni fa ho avuto un infortunio mentre mi allenavo al ginocchio e mi e' stata prescritta una dose di 400mg di ibuprofene 3 volte al giorno.

Sapendo l'effetto sulla pressione ne ho prese solo 400mg ieri e 400mg oggi.

Stasera rincaso, e mi sento girare la testa.. misuro la pressione e trovo 144 112 , con altre misurazioni tutte sopra i 110 di minima.

Ha qualche consiglio?

Ho la valutazione con l'holder il prossimo 1 agosto.

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gli antinfiammatori riducono attraverso la inibizione delle
Prostaglandine il filtrato renale e pertanto la
Pressione può aumentare e la diuresi diminuire
Riprenda il Triatec e beva almeno due litri di acqua

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente
O anche il Ramipril? ho solo quello.

5mg...?

La ringrazio!

[#10] dopo  
Utente
Mi scuso, ma non associavo il marchio Triatec a Ramipril prendendolo da tempo qua in UK.

Immagino che sospendere magari solo 5 gg prima del test da 24 ore sia piu' salutare.

Saluti e ancora grazie.

[#11] dopo  
Utente
Dopo aver bevuto 3 litri di acqua e aver preso 5mg di Ramipril ieri sera, sono andato a dormire con ancora 98 di minima e 150 di massima.

Al mio risveglio stamane, poco prima di uscire di casa ho preso un'altra ramipril da 5mg (2 al giorno da 5mg ) e ho misurato la pressione per controllo con 96 di minima e 135 di massima.

Sembra che la minima sia saldata sopra i 95 e non so davvero cosa fare ..

Quindi come consiglio pensa che i precedenti 5mg giornalieri solo al mattino non fossero abbastanza e vale la pena aumentarli a 5 al mattino e 5 la sera?

[#12]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il Ramipril, come tutti gli ACE inbitori, hanno bisogno di qualche giorno per entrare in funzione ed e' stata proprio una sciocchezza (non dovuta a lei9 il farglielo sospendere.
Inoltre quel farmaco dura in circolo circa 12 ore e quindi va assunto in due somministrazioni.

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente
Salve dottore, a distanza di qualche giorno mi ritrovo con 2.5mg al mattino e 2.5 alla sera e la pressione stabile sui 90 di minima e 120/140 di massima.

Non so come fare scendere la minima ma confido che con la pillola nei prossimi giorni magari scendera' a livelli piu' salutari.

Un problema che mi sta succedendo e che ora si e' davvero fatto pesante e' invece cio' che mi e' capitato qualche volta nelle settimane precedenti ma troppo frequentemente nei giorni scorsi fino oggi a lavoro parlando con dei colleghi.
Mai stato timido, nervoso, sempre molto sicuro di me a parlare con 1 , 2 10 colleghi contemporaneamente; oggi durante la conversazione , mentre parlavo ho avuto una sensazione di giramento di testa sempre piu' grande, una vertigine che mi stava facendo cadere per terra da seduto.
Il battito e' aumentato e ora che scrivo sono ancora tremolante per la sensazione che provo ancora e che sono riuscito a diminuire solo chiudendomi in bagno per 10 minuti.

E' successo poco dopo un pasto e ancora ora mentre sto seduto sento la testa come se potesse partire di lato e oscillare da sola al di fuori del collo, la tachicardia e' tornta in sede ma mi sento in situazione di equilibrio precario, come sul bordo di un precipizio , basta un movimento o una piccola emozione per cadere di nuovo.

Non ho come misurarmi la pressione , potrebbe essere questa che sia schizzata in aria? Sembra ogni volta come se mi innervosissi senza motivo e in automatico fuori dal mio controllo.

La ringrazio per una sua eventuale risposta.

[#14]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Siamo vicini a valori pressori accettabili.
Puo' darsi che i disturbi da lei descritti dipendano dal fatto che non si e' ancora abituato a valori pressori "normaloidi".
Non si preoccupi e vada avanti cosi'


Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#15] dopo  
Utente
La ringrazio per la pronta risposta.

Mi auguro che non stia per entrare nella zona degli ansiosi che hanno paura anche di alzarsi in piedi, come me in questo momento.

Saluti.