Utente 474XXX
Buongiorno, ho 45 anni
sto attualmente assumendo 3/4 di compressa al dì (alle ore 17) di NOBISTAR 5mg come cura per l'ipertensione (mezza compressa nel periodo estivo).
Recentemente mi sono rivolto al medico di fiducia per un rialzo della pressione soprattutto di primo mattino, tipo 140/93, eventualmente per un periodo particolarmente stressante ma anche per il freddo. Il medico, prima di aumentarmi la dose o cambiare terapia, mi ha consigliato di provare con mezza compressa di Nobistar alle ore 17 tutti i giorni e mezza compressa di Aloneb (nebivololo+idroclorotiazide) al mattino, però a giorni alterni. Sarebbe corretta tale modalità di assunzione? Si potrebbero verificare sbalzi di pressione per l'alternanza per quanto riguarda la compressa al mattino.
Grazie in anticipo e saluti

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
8% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Guardi, personalmente non condivido la terapia betabloccante come prima scelta nel paziente iperteso come lei, senza altri problemi cardiovascolari.....poi sempre personalmente eseguirei un Holter pressorio delle 24 h per la verifica dell'efficacia terapeutica, poichè la misurazione classica domiciliare o ambulatoriale non da informazioni sulla distribuzione dei valori diurni e notturni.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 474XXX

Vi ringrazio per la pronta risposta. In verità assumo il nebivololo già da 5 anni quando il medico di allora mi fece eseguire l'Holter prima della terapia. Grazie a Dio non ho problemi cardiaci ma sono abbastanza ansioso. Magari seguirò il Vs consiglio di ripeterlo anche ora. Ma secondo lei é preferibile 3/4 di compressa al giorno oppure 1/2 cp al dí con altra 1/2 in alternanza?