cuore  
Utente 344XXX
Buongiorno Dottori, ho 43 anni, vi scrivo perché a causa di problematiche economiche e lavorative, soffro molto spesso di tensioni muscolari per tutto il corpo, ed ovvero, non appena capitano momenti di ‘tensione’ sugli predetti argomenti, inizio a sentire il collo e nuca irrigidirsi, tensioni alle tempie in particolare alla vena tempia DX che esce bene in evidenzia (come se si gonfiasse), cefalee e problemi di stabilità, fastidi alla schiena ed alle scapole, doloretti e fastidi lungo le braccia e nelle mani ed ultimamente anche una tensione al volto che parte da sotto la mandibola SX e sale su verso la guancia; dopo qualche oretta dalla fine del momento di tensione, tali sintomi, rientrano (al più lasciandomi un po’ di cefalea e stordimento in sottofondo….).
Purtroppo sono diversi anni che ne soffro ma negli ultimi mesi, causa lavoro, sempre di più,
e siccome al contempo sono anche molto dimagrito causa ‘disbiosi intestinale’ (inoltre NON fumo, ho iniziato palestra e mangio "pulito"),
vorrei quindi chiedervi:
tutti questi stati tensivi che vi ho sopra descritto, fatti sì anche di stati ansia ma per lo più proprio di fasce muscolari craniche e corporee che si irrigidiscono, possono portarmi a problemi cardiaci gravi oppure le 2 cose non sono strettamente collegate?
Intendendo, che se anche io avverta tutte queste tensioni ciò NON implica che poi il cuore vada nevessariamente sotto sforzo e debba quindi scatenare eventi cardiologici.
L’ultimo controllo cardiologico di 2 mesi fa, non segnalava nulla di anomalo se non un leggero ispessimento delle carotidi e la lipoproteina (a) misurava 56 (ovvero un po’ sopra il range di guardia) per il resto valori buoni per colesterolo, trigliceridi ed altri ed anche i valori pressori risultano nella norma.
Secondo Voi, posso stare tranquillo o devo prendere provvedimenti ?
Nel caso potreste cortesemente indicarmi se ci sono accertamenti da fare o come posso agire anche per cercare, non tanto di placare gli stati di ansia, ma più questo irrigidimento muscolare craniale e corporeo ?
Grazie per il Vostro servizio.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Per cio' che riguarda il cuore non vedo motivo di preoccupazione.
Per cio' che riguarda i sintomi che lei riporta sarebbe opportuna la valutazione di un Neurologo

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza