Utente 495XXX
Buon giorno,
Scrivo per una consultazione riguardante alcuni dolori che ho da un paio di settimane .
Sono un ragazzo di 23 anni , in buona salute , da quasi un anno faccio palestra seguendo una dieta Con più proteine e carboidrati .
Sono alto uno e 75 e dopo aver perso quasi 15 kg ora peso tra i 68 e i 72 kg .
Quand ero piccolo avevo un piccolo soffio al cuore ( sempre fatto sport agonisticamente e controllato ) Poi scomparso negli anni .
In queste ultime settimane ( 3) , mi sento come un dolore tra il petto alto centrale quasi sotto la tiroide e la parte bassa del petto centrale , praticamente la linea che divide in due i due pettorali, L inzio della bocca dello stomaco penso , dolore sparso anche nel petto ma soprattutto in quel punto , alcune volte anche delle fitte laterali .
In oltre associo questo disturbo anche a dei giramenti di testa ,non so se sono sintomi collegati ( precisiamo che soffro di pressione bassa e anemia mediterranea sana ) e sto periodo tra caldo e freddo mi sono venuti dei capogiri anche a lavoro.
Comunque quando faccio anche dei respiri profondi mi sento qualcosa nel petto che non riesco a capire cos è e mi sta facendo preoccupare , il dottore dice che possono essere cali di pressione e dolori intercostali dovuto al cambio di temperatura però non è normale o si che duri settimane ...
non mi permette di concentrarmi su quello che faccio perché ci penso.
Sto prendendo ferro in pastiglie , zucchero quando mi gira la testa , integratori , e pastiglie per la pressione , alcune volte anche multivitaminici .
In palestra o L abitudine di trattenere il respiro in alcuni esercizi e sforzare, magari il diaframma .. non so davvero dove sbattere la testa .
Aspetto una vostra risposta ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
sono tipicamente dolori osteomuscolari della parete toracica..
Elimini cose inutili come politivatiminici ed integratori ed eventualmente assuma per due tre giorni dei banali antiinfiammatori

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza