Utente 484XXX
Buongiorno, questo vuole essere la prosecuzione di un consulto già chiesto su questo portale nel marzo 2018.
A marzo ho cominciato a percepire una serie di palpitazioni, in una forma più o meno continua molto blanda, con alcuni picchi durante i quali sento i battiti molto "forti" e "tonanti", ma senza che il ritmo sia particolarmente accelerato. La sensazione la percepisco ovviamente a livello del petto, ma anche a livello della gola. Lo stesso in un paio di occasioni un mese fa e due mesi fa, ed è durata un paio di giorni in ciascun episodio. Dal punto di vista famigliare non ho episodi con cardiopatie, né morti improvvise per infarti o quant'altro.
Recentemente, e non per questi sintomi ma per motivi puramente di controllo, ho effettuato una visita cardiologica generale, durante la quale non è emerso un quadro particolarmente significativo. Ho comunicato clla cardiologa che a causa di asma bronchiale assumo un puff serale di Foster 200, e soffro anche di reflusso gastroesofageo. L'esito dell'esame è stato: "In compenso, arterie isosfigmiche ed isosritmiche, aia cardiaca nei limiti, non fremiti né lift, non soffi né toni aggiunti, PA 131/82 dx, 128/83 a sx"
Elettrocardiogramma: RS 62/min
Aqrs +80°
onda p e AV normale
lieve ritardo dx - r non cresce in sede AS (anche nelle posizioni -1)
piccola q in sede inf"

Diagnosi: Asma bronchiale su base allergica (trattata con Foster 200 con una nebulizzazione unica la sera, da proseguire). Ipercolesterolemia, stati ipercinetici ed extrasistolia di ndd".
Prescritto ecocardio.

AGGIORNAMENTO.
Risultato ecocardiogramma (aprile 2018):
-ventrsx regolari dimensioni e funz.contrattile e cinetica FE71%
-conservata la cinetica nella regione inf.
-diastole normale
-aorta bene
-non alteraz valvolari
-non flussi anormali al colordoppler, PAPs normale
-incostante minimo passaggio di colore come da possibile FOP
Prescritto Holter 24h per valutare ExSv e ExV

Risultato Holter (giugno 2018):
-Ritmo sinusale con normale cronotropismo. Freq min 45 bpm e massima 146 bpm. F.C media 85 bpm.
-Pausa R-R massima 1452 msec determinata da aritmia sinusale, fc media 52bpm
-Complessi sopraventr prematuri 2/24h
-Complessi ventricolari prematuri frequenti 2110/24h, massima incifdenza dalle 11.43 alle 12.43 337/h.
-Isolati e monomorfi del tipo BBDx con asse deviato; 4 coppie monomorfe.
-Analisi ST realizzato su 12 derivazioni simultanee, a 60 msec dal punto J, non alterazioni significative.
-Il paziente ha segnalato premendo il pulsante "palpitazioni" in diversi momenti: all'ecg isolate extrasistoli ventricolari.


Venendo alla domanda, e conscio di tutta la difficoltà della comunicazione per iscritto, Le chiedo un suo gentile parere sulla situazione aggiornata ad oggi, che ammetto comincia a preoccuparmi NON POCO (ho due figli piccoli).
Inoltre, se l'utilizzo del Foster 200 ogni sera dallo scorso dicembre (e che come vede il cardiologo NON ha deciso di interrompere) potrebbe aver causato questi stati di oppressione/palpitazioni.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei ha delle extrasistoli ventricolari che non necessitano di terapia.
E' possibile che il broncodilatatore faciliti queste banali aritmie.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 484XXX

Dottore. La ringrazio per la precisa e veloce risposta. Solo per maggior comprensione:
1) è corretto dedurre dalla Sua risposta che non dovrei preoccuparmi troppo?
2) è possibile fare sport non agonistico con questo tipo di disturbi?
2) fermo restando che ne parlerò con lo specialista pneumologo, che lei sappia esistono broncodilatatori che non abbiano questi effetti collaterali ?
Ringrazio anticipatamente.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Le rispondo con ordine:

1 - non deve preoccuparsi assolutamente

2 - puo' fare lo sport che vuole

3 - ci sono dei broncodilatatori che hanno meno effetti collaterali sul cuore: chieda un parere al suo pneumologo

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 484XXX

Gent.Dottore, Le riporto gli aggiornamenti. Ho comunicato i risultati dell'Holter anche alla mia cardiologa. Il suo referto è stato:

"- Sospetto FOP (dubbio) vedi precedente ecocardio
- ExV monofocale - pare accentuata allo sforzo
- Ipercolesterolemia
- Ripeterà un altro ecocardio
- Messo in programma per test ergometrico
- Solo se infastidito dalle ExV o se si accentuassero assumerà bisoprololo 1.25 (asma permettendo)
- Prelievo TSH e elettroliti
- Ecodoppler Transcranico in un successivo momento.
Si prega di evitare fino a che non vediamo il tutto eventuali sport subacquei o viaggi intercontinentali o sforzi importanti."

Per coerenza, vorrei sapere la sua stimata opinione riguardo le decisioni del cardiologo, e se concorda su tutto.
Grazie.

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se il sospetto e' un FOP conviene che lei programmi un doppler transcranico con microbolle.
Non mi pare che le banali extrasistoli dimostrate all'holter necessitino di terapia, specie con beta bloccanti visto l'asma.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 484XXX

Si, confermo, infatti la cardiologa sostiene che (essendoci una pervietà dubbia o forse piccola) prima sia il caso di fare un ulteriore ecodoppler con un "macchinario più potente" di quello già usato, e successivamente (in caso di esito ancora dubbio) quello transcranico con microbolle.
Invece, per quanto riguarda le extrasistoli, per la prova da sforzo crede sia necessaria? Mi ha anche detto che per pura cautela di evitare sport faticosi, grossi sforzi e corsa, ma solo fare camminate. Che ne pensa?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Una prova da sforzo conviene sempre programmarla, cosi' si tranquillizza e puo' fare sport.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 484XXX

Egregio dottore, la aggiorno sulla situazione sulla mia extrasistolia, che ha preso una "strana" piega. A fine giugno ho passato tre giorni con l'influenza. Durante la prima notte, superando i 39,5 gradi, e con dolori articolari e "alla pelle", avevo un forte batticuore dovuto alla febbre, riuscendo addirittura a percepire distintamente i battiti accompagnati dalle solite extrasistoli (diciamo circa 5 o 6 battiti e un vuoto). Dal giorno dopo, ad oggi 02/08, non ho avuto più NIENTE DI NIENTE. Le extrasistolie (almeno quelle da me percepite e fastidiose alla base del collo e del petto) si sono interrotte. Per il resto, non è accaduto nessun evento particolare o modifica alla mia vita. Non voglio di certo lamentarmi (anzi!), ma mi chiedo se questi fenomeni possono scomparire così di getto, e ovviamente se possano ritornare altrettanto velocemente. Che ne pensa? Da un lato sono molto contento e di ottimo umore, da un lato mi viene da pensare a questa cosa curiosa.
Ne parlerò a metà mese col mio cardiologo, ma nel frattempo ho pensato di chiedere a Lei.
La ringrazio anticipatamente.

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Nessuna meraviglia.
In corso di febbre elevata aumenta sia la frequenza che la eccitabilità del cuore e quindi L possibilità di extrasistoli anche nel cuore più sano

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 484XXX

La ringrazio dottore. Il realtà la mia domanda verteva più sulla seconda parte del commento, ossia sul fatto che dopo quella febbre non abbia avuto più totalmente alcun sintomo. Tutto scomparso di colpo.

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Casualità
La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 484XXX

Quindi le extrasistolie possono scomparire nella vita (e di conseguenza anche ricomparire) senza nessuna terapia, farmaco o intervento?

[#13] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
esattamente.
Tipicamente le extrasistoli benigne

la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza