Utente 102XXX
Buongiorno, mio figlio ha 12 anni e mezzo è alto 171 cm e pesa 51 kg. Da 6 anni gioca a tennis a livello agonistico quindi sottoposto a tutte le visite obbligatorie.
Dall'anno scorso si verificano episodi che non riusciamo ad inquadrare.
Sia durante la partita che in allenamento. Vado nel merito. Ci sono giorni o momenti in cui dice di non riuscire a respirare, indica la gola e dice che non va giù l aria. La prima volta durante una fase intensa, mi sono spaventato. Il suo maestro lo ha fermato , l'ha fatto respirare e tutto è passato in pochi secondi. Gli è nuovamente successo dopo un paio di mesi. Allora gli ho fatto fare analisi sangue e visita cardiologica con eco cuore. Tutto negativo. Mi hanno detto che nella crescita può succedere e che non è niente di importante. Ultimamente succede che oltre a quanto descritto il bimbo non riesce a volte, a terminare l'allenamento o la partita perché si sente stanco, senza fiato, dice di sentire mal di testa con formicolio , annebbiamento della vista e stanchezza e eccessiva. E magari il giorno dopo gioca per 3 ore una partita senza alcun problema. Mi sono consultato con suo maestro ma non riusciamo a capire il motivo di queste situazioni che ultimamente si verificano con più frequenza.
È come mai un giorno non riesce nemmeno a finire un allenamento ed il giorno dopo gioca per 3 ore senza nessun problema.
Durante l'ultimo episodio di qualche giorno fa, dove dopo 20 minuti era in apnea e accusava tutti quei disturbi, 15 minuti dopo aver sospeso l'allenamento gli ho misurato la pressione. Era la seguente: 95/60 ed ho notato che aveva la fronte fredda.. Dopo 4 ore era 88/44 e la sera 87/41.
Durante la visita sportiva la pressione era 110/70.
La causa di questo malessere può essere la pressione troppo bassa? Cosa posso fare?
Premetto che per il resto il bimbo sta bene, che si allena il giusto e che questo stato si verifica sopratutto con il caldo.
Ho già fissato un appuntamento col suo pediatra.
Mi aiuti a capire che strada percorrere.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non vedo motivo di preoccupazione dato che tutti gli esami sono negativi.
Le consiglio di non porre troppa attenzione a queste cose perche' i bambini spesso lo fanno per richiamare attenzione.
Inoltre gli allenamenti e gli sforzi con questi caldi andrebbero aboliti
Non fanno certo bene ad alcun cuore

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 102XXX

La ringrazio per la rassicurazione, però questi episodi sono reali e vedere che è così in difficoltà, non lo rende felice e nemmeno tranquillizza noi. Lui si allena come sempre e come i bambini della sua età che fanno sport e vedere che dopo 20 minuti si deve fermare non posso sottovalutarlo.
Domani andremo dal suo pediatra.
Comunque grazie

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Faccia come crede
Con questo caldo gli sforzi non fanno certo bene

La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza