Utente 328XXX
Salve, Alessandro 27 anni, potrei descrivermi come un soggetto decisamente ansioso ed ipocondriaco, passo velocemente ad una spiegazione del motivo per il quale scrivo il post per non far perdere troppo tempo ai gentili dottori che vorranno aiutarmi dandomi una risposta.

Soffro da quando sono bambino di disturbi cardiaci, da prima tachicardie poi attacchi di panico, poi trasformati in varie forme di extrasistoli, che con il tempo sono diventate davvero tantissime, varie volte in proto soccorsi, e sempre per il cuore.

Sono seguito da un paio di anni da un aritmologo il Dr. Leonardo Calò, specialista in aritmologia, ho eseguito praticamente qualsiasi esame, varie holter 24h, sempre riscontrate numerose extrasistoli perlopiù atriali con aberranza, eseguito test da sforzo negativo circa 2 anni fà, moltissimi ecg sempre nella norma, vari pareri di vari cardiologi, echo cardiogramma tutto ok, e per non farci mancare nulla, studio elettrofisiologico con a seguire un ablazione di una tachicardia sopraventircolare, a parte quello le extrasistoli ci sono sempre, numerose e anche in moltissimi casi in bigemia o coppie, l'aritmologo comunque mi ha detto che il cuore è sano stò bene e di stare tranquillo, anche se il fastidio è tremendo, assumo rytmonorm da un anno con scarsissimi miglioramenti del quadro.

Vengo al punto, in teoria ed in pratica è tutto ok, il cuore è sano, ma mi succede se pur in maniera un pò diversa una cosa che mi capitava da piccolo, ovvero che i battiti siano influenzati dal respiro, ho provato anche a trattenere il respiro ma una leggera variazione cè comunque, in poche parole stando normale sdraiato e respirando normalmente percepisco il cuore battere prima più lento poi come se recuperasse dei battiti più velocemente poi di nuovo rallenta e cosi via, ma variando anche con il respiro... ho scritto al mio Aritmologo e mi ha detto che il respiro può condizionare moltissimo le pulsazioni, e fin li va bene, ma come mai solo ultimamente me lo sta facendo? mi ricordavo queste cose solo verso i 14 15 anni mi accadevano, ora non me lo spiego, non è di certo fastidioso come le extrasistole, però volevo domandare se pensate sia normale o comunque un consiglio al riguardo...

Sicuramente non mi sarò espresso nei migliori dei modi mi dispiace molto, ma spero comunque ci sia modo di capire la situazione, grazie per le eventuali risposte

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il variare della frequenza con gli atti del respiro è perfettamente normale.
Smetta di misurarsi la frequenza ossessivamente

Cordialita

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza