Utente
Gentili Dottori, ho 46 anni e da circa 1 anno cerco di trovare una soluzione al mio problema di tachicardia e extrasistole. Spiego meglio: ho sempre avuto una frequenza cardiaca un po' alta, per me la norma è sempre stata 80/85 battiti. È un problema familiare, anche mio padre e mia sorella portano il battito così.
In seguito a un forte stress prolungato dovuto a motivi reali e che non ho purtroppo ancora risolto, 1 anno fa circa il cuore ha cominciato ad esagerare, con 100 battiti a riposo, e extrasistole crescenti. Il cardiologo dice che il cuore è sano, e mi ha prescritto Concor, che però ho sospeso perché mi dava asma. Lo ha sostituito con 1 compressa di Tavor oro 1mg, per poi scendere a mezza, fino a 1/4. È andata bene per circa 3 mesi, dopodiché ho cominciato ad avere tachicardia nonostante l'assunzione del Tavor. Aumentavo la dose, ma mi procurava solo sonno, e il battito del cuore rimaneva alto, soprattutto se camminavo o svolgevo le faccende domestiche. Così il cardiologo mi ha dato Cardicor, che però mi sta causando stanchezza e uno strano senso di tonfo al cuore. Sono esausta perché non trovo cure appropriate, e anche tentando una terapia con Ansiplus Cardio gocce 3 volte al giorno, non risolvo il problema. Mi dico tra l'altro che se il cuore è sano, perché devo assumere betabloccanti? Potrei capire per un breve periodo, ma il cardiologo insiste affinché li assuma anche per sempre. Sono ignorante in materia, ma non essendo malata di cuore, perché devo prendere questi farmaci? Ribadisco che la mia ansia e malessere non sono di tipo psicologico, ma dovuti a problemi reali che non possono attualmente essere risolti. Grazie per la vostra cortese attenzione.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Nel suo caso sarebbe indicata la Ivabradina.....perfetta nel maschio giovane ed asmatico, invece del beta bloccante

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio Dottore, solo che sono una donna. Questo farmaco di cui Lei parla va bene anche per me? Non soffro abitualmente di asma, mi è comparso solo dopo aver assunto Concor.
In ogni caso, sto notando che col Cardicor la frequenza cardiaca è diminuita a 70/75 battiti, ma le extrasistole sono aumentate.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Dicevo in generale , indicata anche nel maschio giovane , perche prova di effetto collaterali.

Arrivederci

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Purtroppo senza prescrizione medica non mi è possibile comprare questo farmaco, ed il medico non ne ha voluto sapere. Nel frattempo non ho più preso nulla, portando il cuore regolarmente a 80/85, come di norma. È andato tutto bene per circa due settimane, finché un paio di giorni fa ho preso un'arrabbiatura con mia figlia, sono bambini e capita spesso. Fatto sta che il cuore è andato nuovamente sui 90/95/100, e non sta più scendendo. Ora mi chiedo: se il cuore avesse bisogno di betabloccanti, non dovrebbe essere costantemente sballato? Escludendo i betabloccanti, cosa è veramente indicato per me, visto che in periodi più sereni ho un battito regolare, e poi basta un'emozione forte o una collera per fare sballare tutto? È normale quello che mi accade? O devo indagare con un altro cardiologo?

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
È assolutwmente normale che un soggetto si arrabbia il suo cuore salga fino a quei valori, se non di più

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
Dottore grazie, Lei è veramente gentile. Ma non mi dice quale farmaco potrei usare invece dei betabloccanti. Sono già 3 giorni dalla collera che porto nuovamente il cuore tra 90 e 100, e non accenna a calmarsi. Faccio esercizi di respirazione, cerco di fare tutto con calma, ma niente. Mi dica almeno se invece di rivolgermi al cardiologo sia il caso di consultare un altro specialista, come un neurologo o non so chi altri. Vorrei trovare una soluzione al problema. Non posso stare col cuore in queste condizioni, sebbene và a periodi. Né mi pare il caso di prendere betabloccanti visto che appunto tutto ciò accade a periodi.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Noi non possiamo prescrivere farmaci per via telematica

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza