Utente 350XXX
Buongiorno dottori,
sono affetto da sindrome da prolasso mitralico che produce una insufficienza di grado lieve (diagnosi nel 2009, dopo 10 anni insufficienza invariata).
L'ultima ecografia ha riscontrato normali valori del ventricolo sinistro se non questo problema alla valvola con prolasso di entrambi i lembi. Dall'ultimo Holter pressorio è risultata una ipertensione episodica e dall'holter cardiaco e dal cicloergometro frequentissime extrasistoli ventricolari anche complesse. Anche durante la prova da sforzo sono presenti e spariscono solo al massimo dello sforzo.
Il dottore ecografista ha anche evidenziato il fuoco da cui partono i BEV che è in corrispondenza dell'anello mitralico sulla parte esterna. In quella occasione ha parlato di "stria" e stress del muscolo. Successivamente durante la visita col mio cardiologo di riferimento si è parlato del rischio di fibrosi ventricolare per cui dovrò fare una risonanza. Io purtroppo ho la quasi certezza che si tratti di questo dato che le extrasistoli non accennano a sparire nemmeno con il bisoprololo (2,5 mg al giorno) che sto prendendo nell attesa di avere un quadro completo.
La mia domanda è: nel caso risultassero aree fibrotiche sul ventricolo

1) quale è la strada che dovrò percorrere?
2) Quali farmaci oltre al betabloccante?
3) Quale dovrà essere il quadro clinico che imporrà l'eventuale impianto di un defibrillatore?
4) Vedo che sono in atto degli studi sull'enzima Loxl2 ma non c'è ancora una cura. Ci sono farmaci in grado di bloccare la fibrosi?

Ricapitolando:

anomalie aspecifiche S-ST
blocco di branca destra
deviazione assiale sinistra
mitrale con prolasso di entrambi i lembi con insufficienza lieve
frazione di eiezione 70%
accenno di curling infero laterale

pressione arteriosa ora sotto controllo con betabloccante ma diagnosticata una ipertensione episodica mai trattata fino ad oggi
prima della terapia:
6600 BEV isolati polimorfi con una morfologia nettamente prevalente
257 coppie
11 triplette
una TVNS di 11 battiti (frequenza 158 battiti al minuto)


Vi ringrazio anticipatamente per l'attenzione

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Il suo cardiologo è da premio Nobel in quanto capace di fare diagnosi di fibrosi e localizzazione della fibrosi così precisa tramite un ECG......

esegua pure una RM con contrasto e se vuole ce ne faccia sapere l esito

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 350XXX

il dottore che mi ha fatto l'ecografia ha semplicemente notato una zona di ipereccitazione che ha chiamato "fuoco". Non ha fatto alcuna diagnosi nel sul cosa nel sul dove, solo supposizioni. Il mio cardiologo di riferimento, invece, ecografia e holter cardiaco alla mano, ha deciso di farmi fare una risonanza magnetica con liquido di contrasto per fugare il timore di una fibrosi. Quindi nessun Nobel per preveggenza. Appena avrò gli esiti della risonanza li girerò in questo consulto

saluti

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Mi perdoni, ma lei ha scritto tutt'altro, che le riporto:

"
Il dottore ecografista ha anche evidenziato il fuoco da cui partono i BEV che è in corrispondenza dell'anello mitralico sulla parte esterna. In quella occasione ha parlato di "stria" e stress del muscolo.
"

Quindi complimenti di nuovo al suo dottore

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 350XXX

" La mia domanda è: nel caso risultassero aree fibrotiche sul ventricolo

1) quale è la strada che dovrò percorrere?
2) Quali farmaci oltre al betabloccante?
3) Quale dovrà essere il quadro clinico che imporrà l'eventuale impianto di un defibrillatore?
4) Vedo che sono in atto degli studi sull'enzima Loxl2 ma non c'è ancora una cura. Ci sono farmaci in grado di bloccare la fibrosi? "

Queste erano le domande per cui ho chiesto un consulto. Io non sono un medico e queste sono domande credo legittime a cui si può rispondere anche prima di avere in mano l'esito di una risonanza perché sono domande di carattere generale. La risposta a quelle semplici domande potrebbe chiarire le idee a me e ad altre persone che come me vivono in apprensione. Questo dovrebbe fare Medicitalia
Lei invece preferisce parlare di Nobel e ironizzare sulla professionalità dei medici che mi hanno in cura puntualizzando su delle sciocchezze irrilevanti. Complimenti!

[#5] dopo  
Utente 350XXX

Medicitalia permette di avere un parere in attesa della visita col proprio medico. Un medico che nel consulto ironizza sulla professionalità dei colleghi fa cadere il rapporto di fiducia che lega paziente e dottore. Oltre a produrre frustrazione

[#6] dopo  
Utente 350XXX

chiedo gentilmente a un altro professionista di rispondere in modo generico alle generiche domande che ho posto, frutto di preoccupazioni per me e la mia famiglia.
Se nessuno fosse interessato a rispondere vi prego di chiudere il consulto. Non sono interessato a ricevere risposte dal dott. Cecchini
Arrivederci