Utente
Buongiorno, scrivo questo messaggio per sapere il vostro parere riguardo al mio problema. Sono un ragazzo di 19 anni, sono astemio ma fumo 2 sigarette al giorno. Da ormai 2 anni soffro di presunto cardiopalma (dico presunto perché dalle visite effettuate e dagli esami svolti non è emerso niente se non un leggero difetto della valvola mitrale e un piccolo soffio al cuore). Oggi per esempio mi è capitato di percepire 10 battiti consecutivi del cuore molto forti (con forti mi riferisco al fatto che sentivo il battito proprio sul petto come se ci battessi sopra con la mano) con una frequenza di 90 / 100 battiti al minuto. Un altro sintomo che mi tormenta è quando mi capita di sentire un battito anticipato e più forte degli altri soprattutto quando mi chino, quando mi "butto" sul letto e quando sono generalmente a riposo. Mi è capitato più o meno 10 notti in questi 2 anni di non riuscire a dormire dalla paura perché sentivo questi battiti anticipati 1/2 volte ogni 3 minuti ed ero molto agitato e ansioso. Quello che voglio capire e che mi renderebbe davvero più tranquillo è quello di sapere cosa sono questi battiti strani e se hanno bisogno di un trattamento. Mi sono informato riguardo le aritmie e non capisco se quello che sento è un cardiopalmo, una palpitazione, un extrasistole o un aritmia più complessa come la fibrillazione atriale. Un altra domanda, siccome dagli esami (eco al cuore, elettrocardiogramma e prova da sforzo) non emerge niente, come faccio a capire se soffro di aritmia magari complessa come la fibrillazione atriale? Grazie in anticipo della risposta, buona serata.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non vedo pèerche' lei a 19 anni debba avere una fibrillazione atriale..
Sarebbe come dire che ogni volta che lei avesse tosse pensasse di avere un tumore polmonare o la tubercolosi.
Sono banali extrasisotli.

Se ne fosse incuriosito programmi un Holter delle 24 ore

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille della risposta immediata. La mia ipotesi di fibrillazione atriale me la sono fatta per ignoranza mia, quindi mi scuso. Ho un ultima domanda, tutte le volte che io sento queste extrasistole, soprattutto come oggi molto intensa, mi spavento molto, come se il cuore cessasse di battere da un momento all'altro. Esiste un metodo, oltre che a modificare il proprio stile di vita, per risolvere o almeno placare questo problema? Grazie mille e buona serata

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
La cosa piu intelligente, se fosse preoccupato, è di eseguire un Holter per valutare la reale presenza di aritmie, il loro tipo , la loro distribuzione nelle 24 ore.
Nel frattempo stia lontano da caffeina, teina, e roy drinks, alcool ed ovviamente fumo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Mi scusi un secondo messaggio. Dopo due anni che convivo con queste extrasistole mi sono abituato, anche se , per l'appunto, quando mi vengono così forti e all'improvviso mi provocano veramente fastidio e per i 5 minuti successivi anche un po di spavento, poi basta. Ho provato per 2 mesi una cura a base di erbe naturali ( ansiplus cardio) per capire se magari era una questione di ansia e stress ma non ho riscosso nessun miglioramento. Mi tolga anche l'ultimo dubbio, potrebbe centrare qualcosa con il leggero difetto della valvola mitrale o è solo una cosa a cui io sono predisposto? Grazie, mi scusi e buona serata

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
i scusi stiamo parlando del sesso degli angeli....
non sappiamo neppure se lei abbia veramente aritmie e di che tipo.
esegua l esame che le ho consigliato e ne riparliamo

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza