Utente 231XXX
Gentile dottore, mio marito ha avuto, l'11 ottobre scorso un infarto miocardico acuto. Le sue analisi, fatte recentemente (in passato sempre perfette) hanno subito una modifica nei valori dell'azotemia: 59 - Uricemia: 8, 30 e creatinina: 1, 33.
La terapia prescrittagli è stata la seguente:
Omeprazen 20 mg. 1cpr al giorno) Cardirene 160 (una bustina al giorno) Plavix (1 cps al giorno) Triatec 2, 5 mg. (mezza cpr 2 volte al giorno) Lasix 25 mg. (1 cpr. 2 volte al giorno) Luvion 50 (mezza cpr al giorno) Sinvacor 40 mg ed altri farmaci che già prendeva prima (Eutirox Omnic).
A questi farmaci è stato ora aggiunro l'allopurinolo 300 mg. da prendere a cicli di 15 gg.
Quest'ultimo farmaco, a suo parere è necessario (visti i valori delle analisi) o può essere sostituito agendo sulla dieta o sull'assunzione di maggiore quantità di acqua? I farmaci da assumere mi sembrano tanti, ma naturalmente io non faccio testo e sono sempre osservante a quello che viene prescritto
La ringrazio per la sua disponibilità
S. C.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Penso che suo marito sia piu' o meno coetaneo, quindi trattare un paziente anziano con 50 mg di furosemide senza che beva almmeno 1,5 -2 litri di acua al di significa ridurre la funzione renale del pazuiente.
Se vede sia l'azotemia aumentata cosi' come la uricemia stanno a dimostrare la disidratazione.
Somministrare un farmaco potenzialmente nefrotossico come allopurinolo per far fronte agli effettio collòaterali di una terapia diuretica sovradosata non mi pare intelligente.
Il paziente deve
1- mangiare senza sale aggiunto
2 bere almeno 1,5- 2 litri di acqua

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 231XXX

La ringrazio molto,dottore. Mio marito seguirà da subito il suo consiglio.
Grazie anche per avermi risposto con sollecitudine e per la sua disponibilità.