Può essere un dolore cardiaco?

Buongiorno ci terrei a chiedere un parere di un esperto in merito a quello che mi è successo circa due settimane fa, sapere se un dolore così forte e intenso può essere dato da Angina di prinzmetal (o angina variante) in quanto ne il mio dottore di base ne al pronto soccorso mi hanno dato spiegazioni in merito.

l’episodio si è presentato la sera dopo essermi addormentato circa alle 23:00/23:30, mi sono svegliato di soprassalto e ho avvertito come uno spasmo, come se ci fosse qualcosa di aperto a livello del cuore/stomaco e il cuore che andava a mille, preoccupato mi sono alzato per andare a chiamare i miei genitori, nel tragitto tra la mia camera e il salotto ho avvertito improvvisamente un dolore fortissimo al petto come un intorpidimento una sensazione di formicolio al cuore, come se fosse chiuso in una morsa, dal dolore mi è salito una strana sensazione fino alla testa provocandomi anche capogiro, sono quasi svenuto.


Con fatica sono riuscito a raggiungere i miei genitori che da subito mi hanno fatto sedere sul divano cercando di tranquillizzarmi e facendomi provare la pressione, talmente alta che il misuratore non riusciva a prenderla e il cuore continuava a battere a mille come scoppiasse (avevo proprio la paura è l’impressione di morire).


Preoccupati mi hanno detto di andare a mettere le scarpe che mi avrebbero portato al pronto soccorso, mi sono alzato e ancora un un dolore allucinante al cuore accompagnato da una forte eruttazione e dai sintomi scritti in precedenza, ho messo le scarpe, e mentre andavo verso mio papà l’ultima fitta allucinante che mi è arrivata al cuore e sono andato a terra, mio papà per tutto il tempo (20/30 minuti) aspettando l’arrivo dei soccorsi mi ha tenuto alzato per mezzo busto da terra, per tutto il tempo ho avuto dolore alla schiena e un forte senso di intorpidimento e formiche al petto e a tutto il braccio sinistro.


Da quanto avevo freddo e tremavo hanno dovuto mettermi il giubbotto e una coperta nonostante fossi in casa con più di 20 gradi.

(Avevo davvero la sensazione, l’angoscia di morire a tal punto che rassegnato mi sono messo a piangere).


Arrivata la macchina medica hanno cercato di fare un ECG sul posto che è risultato nullo in quanto tremavo troppo, allora mi hanno portato all’ospedale in ambulanza, dalle analisi e dal ECG non hanno riscontrato anomalie, ma ho letto che passato l’attacco da angina potrebbe risultare tutto negativo.


Chiedo quindi aiuto perché seppur non abbia mai sofferto di ossessioni è da due settimane che non vivo e vado avanti a divano e lexotan in quanto continuo a rivivere quel momento nella mia testa che mi fa venire la pelle d’oca e vivo la costante paura che mi possa venire un altro attacco da un momento all’altro facendomi morire.



Ps: Ho 29 anni, non fumo, non bevo e non sono grasso, pratico poco sport e è da anni che per famigliarità ho il colesterolo a 244.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
le ho risposto il 9 gennaio all identico post.
pensa che io abbia cambiato idea?

capisco che lei sia un ossessivo e pertanto da medico la comprendo, ma certo non posso rispondere alle identiche domande..

cordialita

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Mi scusi Dottore, volevo porle nuove considerazioni ma nel consulto scorso non era più possibile scrivere al quanto ho dovuto aprirne uno nuovo.
Fidatomi dalle sue considerazioni ho contattato uno psicologo che ho già incontrato 4 volte per cercare di battere questa paura se si può chiamare ossessione, ma credo che chiunque che avrebbe provato quello che ho provato io si sarebbe sentito agitato i giorni seguenti.
Detto questo, secondo lo psicologo poteva essere un attacco di panico, però secondo Lei dottore un attacco di panico può provocare un vero e proprio dolore? E di quell’intensità??
Io dal dolore sono svenuto, come dicevo ho sentito come se il cure venisse spremuto e un senso di intorpedimento, formicolio al petto, al braccio sinistro e dolore alla schiena per almeno 30 minuti.
Lasciando stare l’angina o quello che ho letto su internet, Lei escluderebbe a priori il cuore? O sarebbe meglio fare solo qualche accertamento per sicurezza?
Le chiedo in primis è un professionista e in quanto mi sembra strano che un attacco di panico possa darmi dei dolori così intensi.
Grazie ancora, non volevo farle perdere de tempo, ma non riuscivo a scrivere nell’altro annuncio perché mi diceva che era stato chiuso.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
Gli attacchi di panico tendono ad esaxerbare la sintomatologia di banali dolori.
Se cio' la tranquillizzasse esegua un ECG sotto sforzo

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore, Le scrivo l’esito appena lo faccio.
Sicuramente mi renderebbe più sereno, ma un test del genere può escludere qualsiasi Mattia cardiaca?
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buonasera Dottore, ho fatto una visita dal cardiologo che mi ha effettuato un elettrocardiogramma e un eco nella visita specialistica.
Per sicurezza mi ha comunque prescritto di effettuare un test sotto sforzo, Le trascrivo l’esito consegnato:
Test da sforzo al cicloergometro diagnostico, massimale condotto in assenza di terapia betabloccante, interrotto al carico di 120w per esaurimento muscolare (FC max 180 bpm pari al 94% della FMT calcolata per età).
Al picco dello sforzo non angor tipico, non aritmie ne alterazioni st/T indicative di ischemia inducibile.
Lamenta discomfort toracico addominale ed eruttazione per qui ha eseguito l’indagine.
Sintomo non francamente riferibile allo sforzo fisico (riferisce insorgenza dei sintomi anche a riposo a domicilio).
Recupero regolare. Normale incremento cronopressorio.
Al termine dello sforzo lieve capogiro senza perdita di coscienza. Buon emodinamica al termine.
Le chiedo se secondo Lei nonostante quel brutto e inteso dolore provato posso escludere patologie cardiache o se meglio effettuare esami più specifici come per esempio l’holter 24h.
Ringraziandola anticipatamente, porgo cordiali saluti e Le auguro buona serata.
[#6]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,9k 2,6k 2
l holter serve a studiare problemi di ritmo
ma lei ha una prova da sforzo perfetta

cordialita

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa