Edema non riassorbito sotto cicatrice

Gentili dottori,
operata a dicembre 2021 di blefaroplastica, mi sono rimaste due palline ai lati di entrambi gli occhi, che sono esattamente le stesse da quando gli occhi si sono sgonfiati, ovvero sei mesi.

Il mio chirurgo, dopo una visita di cinque minuti, ha detto che poteva essere un punto non riassorbito che si era incistato, e che mi avrebbe rioperato per vedere cosa c'era.

Non essendo convinta che si trattasse di un granuloma da punto sono stata da un altro chirurgo plastico che non ha saputo dire di cosa si trattasse ma, molto intelligentemente, mi ha consigliato di fare un'ecografia alla zona.


Ho effettuato ecografia ai lati degli occhi e si è scoperto che avevo ragione io: in pratica ho ancora due sacche di liquido ai lati degli occhi, due edemi non ancora riassorbiti, ciascuno lungo circa 8 millimetri.

Grazie al cielo mi sono fidata del mio istinto, così ho potuto evitare di essere ritagliuzzata per niente, peggiorando la situazione, perché l'ecografista mi ha detto che reincidendo avrei provocato ulteriore edema.


Ora chiedo: è possibile che ci sia edema residuo dopo SEI MESI dalla blefaroplastica?
L'edema può scomparire da solo?
Per ora è stabile, sto facendo foto da mesi e il gonfiore è sempre uguale.

Posso prendere qualcosa per aiutare il riassorbimento?
Il mio chirurgo mi ha consigliato ematonil.
Io sto prendendo anche Nedemax.

L'ecografista è molto ottimista e dice che di solito l'edema si risolve da solo, e non ci sono danni ai tessuti.


Nel caso non si riassorbisse, cosa si può fare?
Sono abbastanza angosciata e, come avrete capito, il mio chirurgo è stato piuttosto superficiale nel visitarmi e decidere che si trattasse di un punto incistato e io non riesco più a fidarmi.
Oltretutto è impossibile contattarlo.

Mi è stato detto che nel caso l'edema non si riassorbisse, dovrei rioperare.
Ma perché?

Non voglio ritagliuzzare di nuovo, ripassare il post-operatorio e avere nuove cicatrici.

Qualcuno può aiutarmi a capire?
[#1]
Dr. Paolo Santanchè Chirurgo plastico 20 1
Gentile signora,
premesso che non ha specificato se si è sottoposta a blefaroplastica superiore, inferiore o totale, e che solo con una visita sarebbe possibile valutare la reale situazione, qualora si trattasse realmente di un edema da stasi linfatica, non dovrebbe essere difficile trattarli in maniera non chirurgica con terapia adeguata.
Alla visita, oltre all’ecografia effettuata, sarebbero utili le foto preoperatorie e l’atto operatorio della cartella clinica.
Cordiali saluti, di Paolo Santanchè

dr Paolo Santanchè
Specialista in Chirurgia Plastica

[#2]
Utente
Utente
Gentile dottore, la ringrazio per la risposta.
Ho eseguito blefaroplastica superiore, ma non ho nessuna cartella clinica o foglio che mi hanno rilasciato dopo l'operazione, a parte quello con scritta la terapia da effettuare.

Si tratta di edema da stasi linfatica, questo me l'ha confermato il medico che ha effettuato l'ecografia.
Che genere di terapie esistono, nel caso non dovesse scomparire. Mi sembra che stia migliorando molto molto piano nelle ultime settimane, ma dalle foto non paiono esserci miglioramenti, è proprio solo una mia sensazione di maggior leggerezza.

Grazie.
Blefaroplastica

Blefaroplastica: l'intervento di chirurgia plastica sulle palpebre superiori e inferiori e micro-lipofilling. Obiettivi, vantaggi, risultati, prima e dopo.

Leggi tutto