Utente
A seguito di un intervento per endometriosi al setto retto vaginale (con ablazione del nodulo dalla parte vaginale che all'epoca, 2 anni fa, non aveva infiltrato il retto senza quindi necessaria resezione dello stesso) mi sono ritrovata (anche a causa delle molte dissenterie acquose che hanno seguito l'intervento) ad avere una dolorosa ragade anale che si è risolta spontaneamente nel giro di qualche mese. La cosa strana però è stata la continua presenza di materiale fecale di consistenza molle che mi ritrovo a livello anale dopo la defecazione (come se fosse muco o materiale diarroico) anche dopo accurata pulizia con carta igienica e che prima dell'intervento non era mai presente. La cosa che mi ha fatto molto preoccupare e che mi porta a scrivere è che oggi, durante la defecazione (feci normali, abbastanza molli ma a forma di palline) ho avvertito un dolore fortissimo nella parete rettale, come un coltello che si infilava nel muscolo e che dava origine a spasmi rettali forti non in zona anale ma piu in alto all'interno, una cosa mai provata prima e la sensazione di dover continuamente espellere materiale. Il mio terrore è che il nodulo possa essere ricresciuto e che stia invadendo il retto ma prima di procedere a RMN vorrei sapere se è il caso di effettuare visita proctologica per escludere altre problematiche.
Grazie per la cortese attenzione..

[#1]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Certamente una visita proctologica può essere utile alche per valutare pappatoria ente la situazione del setto retto vaginale. In alternativa potrebbe richiedere una visita ginecologica con ecografia TV.
Dr. Roberto Rossi

[#2] dopo  
Utente
Grazie gentile dott. Rossi, l'eco tsvg l'ho eseguita due mesi fa e non erano visibili noduli rettovaginali.
A suo avviso i sintomi descritti sono compatibili con una fistola o qualcosa del genere?
grazie

[#3]  
Dr. Roberto Rossi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
16% socialità
CHIERI (TO)
RACCONIGI (CN)
TORINO (TO)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2011
Difficile,ma solo la visita potrà chiarire il disturbo.
Dr. Roberto Rossi