x

x

Familiarità tumore al colon

Egregi Dottori,

sono un uomo di 62 anni e da quando ne avevo 32 mi sottopongo ogni tre anni talvolta due a colonscopia in quanto a mio padre fu asportato un adenoma villoso di oltre 2 cm comunque senza note di malignità.
Discutendo con mia madre che ora ha 86 anni mi sono reso conto che anche un fratello di mia nonna e una sua figlia sono stati colpiti dal tumore al colon.
Quella di mia nonna era una famiglia molto numerosa e tra tutti i discendenti sembra si siano manifestati solo questi due casi all'interno di una stessa stessa linea diretta familiare.
Benchè si tratti di parenti di 4 o 5 grado mi sono chiesto con apprensione se questo potesse incidere sulla mia predisposizione ad un eventuale tumore al colon e se pertanto dovessi ridurre i tempi di check-up.
In realtà dopo 10 colonscopie negative (solo una volta mi asportarono un minuscolo (-2mm) polipo iperplastico che il mio gastroenterologo non fece nemmeno analizzare), volevo protrarre a 5 anni la cadenza dei controlli tuttavia queste nuove informazioni mi fanno riflettere e causa la mia apprensività mi rendono nervoso.
Si tratta di familiarità complessa e quindi la mia situazione è più a rischio?
Grazie in anticipo per la risposta.


Cordialità
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Con 10 colonscopie negative può tranquillamente interrompere le procedure o portare il prossimo controllo a 10 anni. Consideri che suo padre non ha avuto un tumore......


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la pronta risposta e le rassicurazioni. Volevo approfittare ancora una volta della sua cortesia per chiedere qual'è la differenza tra la familiarità semplice e quella complessa a cui Lei si riferisce nell'interessante post al riguardo dei fattori di rischio per questo tipo di neoplasia. Grazie e cordialità
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Per familiarità semplice si intende quando il CCR è presente in un parente primo grado, per familiarità complessa quando il tumore è presente in parenti diversi anche non di primo grado. In questo secondo caso è opportuno uno studio genetico.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie per la risposta! Quindi nel mio caso con parenti affetti di 4 o 5 grado su linee collaterali e non dirette dovrei eseguire uno studio genetico a monte di tutti i controlli?
[#5]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 68,9k 2,2k 88
Potrebbe essere utile,

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6]
dopo
Utente
Utente
Egregio Dottore,

Un'ultima domanda.
Questa cosa mi crea molta apprensione. Non basta quindi un controllo triennale per limitare eventuali danni? Il fatto di scoprire se c'è un' ereditarietà cambia le cose?

Un grazie sincero

Soffri di allergia? Partecipa al nostro sondaggio