Utente
Egregi Dottori

Sono una donna di 51 anni e recentemente sono stata diagnosticata con il colon irritabile/colite e una disbiosi intestinale.


I miei sintomi sono addome sempre gonfio, a volte indolenzito, pieno di aria, stitichezza (devo assumere le fibre per poter andare normalmente in bagno).
A volte sensazione di non aver svuotato completamente, feci marrone chiaro, urine normali.
Dormo abbastanza bene, a volte mi sveglio per il fastidio all’addome e vado a letto verso le 23-mezzanotte e mi sveglio alle 7-7.30.


Ma quello che mi preoccupa maggiormente e mi fa pensare a qualcosa di più sinistro è la perdita di peso.
Il 10 maggio pesavo 80 kg ed oggi peso 66 kg.
In questo periodo, dopo una pancreatite acuta dovuto a calcoli e fango biliare a mattio (fatto ercp) seguo una dieta ipolipidica (max 30 g di grassi al dì) e non mangio fritti, dolci, no bibite gassate, ecc.
Mi è stato suggerito per la disbiosi di mangiare senza glutine e senza lattosio.
Ho appetito, mangio una quantità normale di cibo (pollo, pesce, pasta, verdure, patate, frutta).
Mangio pasti frequenti e non grandi per non far gonfiare ancora di più lo stomaco.


Ho visto ben 3 gastroenterologi e ho chiesto al mio medico la richiesta per il proctologo ma ha detto che non è una visita necessaria.
Ho fatto due ricoveri in questi ultimi 5 mesi.
Nessuno ha mai parlato di fare una colonscopia, che trovo strano.
Gli esami fatti fino ad oggi: ecografia ogni mese, tac addome completo, colangio rm, ercp, lastre addome completo, torace e schiena.
Tanti esami di sangue, gut screening e elastasi pancreatici.
I medici dicono che se c’erano tumori si vedevano ma io avevo capito che si vede solo con colonscopia.


Ho fatto cura con normix che non ha fatto niente, cura naturale prescritto da un medico funzionale che non ha fatto niente.
Adesso sto prendendo un SSRI, probiotico, enzimi digestivi, deursil 225 ed un integratore per cercare di mettere su qualche kg.
Ho anche fatto un intervento un mese fa per un ernia ombelicale (open, no mesh).


Secondo voi, il cancro al colon è una possibilità dato la perdita di peso?
In famiglia nessuno ha avuto alcun tipo di cancro e non ho mai vissuto in una zona a rischio o lavorato con prodotti chimici.


Grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sono due patologie ben distinte!
Con gli esami eseguiti escluderei la presenza di un tumore al colon responsabile della sua sintomatologia, ma non è possibile escludere piccole neoformazioni(polipi)in trasformazione.
Esegua, se il suo curante lo ritiene opportuno, una ricerca di sangue occulto nelle feci, in caso di positività eseguirà una colonscopia.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la celere risposta Dr. D’Oriano
Richiederò il test che mi ha suggerito.

Cosa vuol dire in trasformazione ? Che potrei avere polipi che si stanno trasformando in qualcosa di maligno?

Grazie

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
No! Solo che non è possibile a distanza escludere nulla.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Capisco, grazie mille per la sua gentilezza.
Se le fa piacere le aggiorno quando ho novità (dopo esami).