Utente 163XXX
Salve dottori,
avrei bisogno di un parere riguardo ad una situazione persistente da circa 3 settimane.
Inizialmente avvertivo un prurito intimo, localizzato ad una delle piccole labbra (con lievi perdite biancastre) ed approfittando che mia madre si recava a fare un pap test, le ho chiesto di farmi consigliare qualcosa. Per lenire questo prurito mi hanno dato 2ovuli ed una lavanda da usare dopo di essi, entrambi marcati Aflovag.
Dopo la lavanda la situazione è peggiorata, il prurito si è intensificato, con lieve gonfiore e ad una settimana circa prima del ciclo le perdite sono diventate bianche e grumose.
In attesa della visita ginecologica ho chiesto al mio medico di famiglia cosa fare per quel prurito che non mi faceva dormire.
Mi ha prescritto 2 capsule di Diflucan 150 (anche al partner), Gynocanesten crema e lavaggi con Pevaryl soluzione per genitali esterni.
Il Diflucan ha ridotto di molto i sintomi ma la crema sembrava accentuarli. Dopo l'applicazione sia esterna che interna della stessa, alla sera, fino al mattino il prurito aumentava.
Spontaneamente ed anche per via dell'assenza del mio medico, ho quasi del tutto interrotto l'uso della crema ed ho iniziato a provare sollievo...nonostante il prurito rimanga di lieve entità solo in alcuni momenti.
A meno di una settimana dalla terapia però, ho avuto il ciclo ed ho dovuto posticipare la visita ginecologica.
Come devo comportarmi nel frattempo? Dovrei comunque applicarla la crema? Ed i lavaggi?
Da cosa si capisce che una terapia sta funzionando se tra gli effetti indesiderati scritti sul bugiardino trovo gli stessi sintomi dell'infezione? (prurito, bruciore, edema, fastidio).
Inoltre cosa dovrò aspettarmi alla fine del ciclo? Una riacutizzazione dei sintomi o la loro scomparsa?
Ho bisogno di questi consigli perché è la prima volta che mi trovo a combattere con questa infezione e non voglio che si ripresenti (n quanto mi è stato detto che tende a recidivare).
Anche per questo sto cercando di avere tanti accorgimenti che potrebbero aiutarmi: astensione, intimo di cotone che lavo a 100° insieme agli asciugamani, niente jeans, assunzione di fermenti da probiotici da banco frigo, nessuna alimentazione con cibi zuccherati e cibi lievitati. Ora che ho il ciclo ho preso anche assorbenti di cotone.
Nella speranza di un gentile riscontro, ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Carlo Mattozzi

28% attività
0% attualità
12% socialità
CASTELVETRANO (TP)
ROMA (RM)
MARSALA (TP)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente, purtroppo non potendo valutare la sua condizione è possibile suggerirle una terapia. La scelta terapeutica è conseguente ad un'accurata visita dermovenereologica. Gli accorgimenti che lei ha preso (intimo di cotone, etc.) possono andar bene, ma uan terapia adeguata necessita di un consulto diretto e possibilmente l'esecuzione di alcuni esami (tampone, striscio, etc).
Saluti
Dr. Carlo Mattozzi

[#2] dopo  
Utente 163XXX

La ringrazio per la celerità.
Comprendo perfettamente che c'è bisogno di una visita: è ciò che sto attendendo e che potrò fare solo alla fine della mestruazione.
Inoltre attualmente il mio medico è assente e mi sono rivolta a medicitalia soprattutto per sapere di solito, con il ciclo mestruale come ci si comporta riguardo l'uso di creme e soluzioni antimicotiche dei genitali?