Utente 342XXX
Salve dottore le espongo il caso di mia moglie che inizia nel 1996 con l'asportazione di un melanoma al livello || di clark ha fatto tutto il percorso follow up uscendone fortunatamente senza conseguenze ,ma nell'agosto 2013 gli viene asportato un nuovo melanoma a diffusione superficiale infiltrante il derma papillare,spessore di breslow mm 0,3 contiguo a nevo melanocitico intradermico ,infiltrato linfocitario minimo perivascolare,numero di mitosi dermiche:0.Ulcerazione,regressione e/o emboli neoplastici assenti.La neoplasia dista mm 2 mm10 dai due margini apicali e mm 6 dal margine profondo.Gli viene fatto poi l'allargamento con la seguente diagnosi:Cute e sottocute sede di fibrosi cicatriziale e flogosi cronica:sono presenti in sede pericicatriziale un nevo melanocitico intradermico ed una ploriferazione melanocitaria lentigginosa giunzionale.A fatto poi una RM con il seguente referto .relativamente al quesito clinico-strumentele,si segnalano in sede epatica :una lesione adesa al margine epetico nel vll segmento epatico,una di 48x16 mm nel vlll segmento di 17x30 mm ed ulteriore micronodulo 7 mm sempre del vlll.Tali formazioni omogeneamente iperintense nelle acquisizioni T2,sono da riferirsi a lesioni benigne,verosimilmente angiomi.il referto dell'ecografia dice:non si evidenziano linfonodi con caratteristiche ecografiche in sede ascellare e laterocervicale bilateralmente.Ha fotto poi le lastre al torace di cui non ho il referto ma che a detta dell'oncologa che la segue suggerivano di fare ana tac.La brutta notizia viene con la TAC al torace ad alta risoluzione senza contrasto il referto dice ,L'esame mostra due micronoduli nel lobo superiore destro (uno piu anteriore di 3 mm e l'altro di 2 mm) ed altri due nell'inferiore (di 4 mm subleurico e di 3 mm posteriore).Tali micronoduli,non caratterizzabili per le esigue dimensioni e di verosimile scarso significato patologico,sono in considerazione della storia clinica della paziente,meritevoli di controllo a tre mesi.Non linfoadenopatie ilari mediastiniche ed ascellari.Il valore dell LDH é 379 .Direttore siamo seriamente preoccupati per quei noduli al polmone volevo sapere quando é fondata la paura che siano metastasi e se bisogna per forza aspettare tre mesi per fare di nuovo la TAC non é forse meglio fare una PET la ringrazio di cuore per la sua risposta e grazie per il tempo che dedica a noi .

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

siamo quasi a 20 anni dalla prima asportazione del melanoma. Un tempo assai lungo / sebbene non impossibile per pensare a ripetizioni della malattia iniziale.

La signora è fumatrice? Ha o ha avuto altre patologie di base? E' positiva alla TBC?

Come vede, la situazione meriti controlli approfonditi e a mio avviso non è assolutamente il caso di disperare.

Cercate di fare tutte le indagini in breve tempo e a disposizione per ulteriori controlli

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 342XXX

Innanzituto grazie dottore, si la signora èra fumatrice ma non ha mai avuto patologie che possano far pensare alla natura di quei noduli,non sappiamo se sia positiva alla tbc.A tre mesi dalla prima tac che ha fatto il 6/02 farà la seconda la nostra paura é che siano metastasi partite dal secondo melanoma anche se il livello 0,3 di braslow sia un livello molto basso e che a detta del nostro medico rarissimamente lascia metastasi .Ci sono altri esami o qualsiasi cosa che possa dirci quale sia la loro natura o bisogna aspettare e valutare l'evoluzione,ha un consiglio su come dobbiamo muoverci ? Grazie di nuovo dottore .

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il vostro Dermatologo ha ragione; i melanomi "sottili" hanno un rischio di metastasi a distanza bassissimo, seppur non pari allo zero.

Da qui non posso dare indicazioni vincolanti, perché non sarebbe corretto né possibile, ma sono certo che la sig.ra sarà a breve sottoposta ad altri esami di approfondimento (e che non escludono, broncoscopia, PET, RMN con contrasto in base alle singole situazioni): la diangosi deve essere cercata con rapidità e selettività

cari saluti

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it