Utente 427XXX
Salve dottori, ho fatto il laser frazionato circa un mesetto fa, da un chirurgo plastico.
Notate che non me l’ha fatto lui ma un suo collega specializzato a cui il chirurgo poi ha chiesto tutto (post terapia ecc...), indice del fatto che il chirurgo non conosce bene questo trattamento nello specifico.

Il fatto è che, successivamente, il chirurgo mi ha detto alcune cose senza consultare il collega specialista del laser, e non so se fidarmi.
In pratica, mi ha detto che dovrei per 3/4 mesi o anche più evitare l’esposizione al sole eccessivamente, e in più mettermi una crema solare: Pergam Reoxall Crema, ogni volta che esco al sole.

Ma, l’anno scorso un dermatologo mi consigliò una protezione solare con cui mi trovai molto bene, in quanto ho una pelle a tendenza acneica, e le protezioni solari classiche, “dense”, mi ostruiscono la pelle, me la lasciano oleosa e biancastra, e questo mi ha sempre favorito l’insorgere dell’acne, perciò in generale sono molto restìo ad utilizzare creme solari, con quella del dermatologo andò meglio: Anthelios Invisible Spray 50+. In quanto era uno spray molto leggero e invisibile. Ma resta il fatto che, se non ho niente in faccia è molto meglio.
La mia pelle sta bene quando è secca, basta una crema idratante o simili per farmi sentire ostruito e farmi uscire i brufoli.

Ora le domande sono due:
1) Oggettivamente, per quanto tempo si deve stare attenti al sole dopo il laser frazionato?
2) Tra le due creme che mi hanno prescritto (Pergam Reoxall, e Anthelios Invisible), considerando le mie necessità, cioè che non voglio ostruire i pori della pelle, e che dovrei andare in giro con quella roba in faccia, e che ho una pelle chiare e sensibile, quale delle due è più indicata per me?

Grazie!

Ps: Quasi dimenticavo, sono mesi che faccio il peeling con la crema “Rigen Skin Mask”, che tollero perfettamente, tra quanto posso tornare ad usarla?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Queste sono domande specifiche che deve porre al medico che ha effettuato trattamento e prescrizioni;
Generalmente quando effettuo il laser frazionato CO2 consiglio per almeno 1 mese di evitare le fotoesposizioni e procedere comunque con solari appropriati

Saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 427XXX

Dottore, grazie per l’informazione riguardo al sole!

Purtroppo il chirurgo, che si vuole far contattare su whatsapp per informazioni, non me lo ha aperto neanche il messaggio, e non vorrei chiamare la segretaria e prendere appuntamento solo per chiedergli queste sue scemenze.
Tra l’altro la sua opinione conta poco perché non è specializzato sul laser, si è preso i soldi e se n’è fregato.

Vi rifaccio le domande in modo più generico in modo da non mettervi in difficoltà:

1) In genere, dopo una normalissima seduta laser frazionato Co2, e considerando che è passato un mese quindi il periodo più pericoloso è passato, una protezione solare vale l’altra oppure c’è bisogno assolutamente di mettere il Reoxall?
Perché ripeto, l’Anthelios Invisible è L’UNICA protezione solare che non mi fa sentire eccessivamente oppresso e ostruito, quindi la preferirei.
2) In genere, ai suoi pazienti dopo il laser dopo quanto tempo da il via libera per fare i peeling leggeri come il Rigen Skin Mask? (acido mandelico; acido piruvico; acido cogico).

Grazie e buone feste di Pasqua!!

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Non posso riferirmi a marchi (che fra l’altro non per forza utilizzo), e comunque la scelta su cosa fare dopo non può essere valutabile a distanza; ogni strategia terapeutica è personalizzata su ciascun paziente!

Carissimi saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it