Utente 152XXX
Gentilissimi dottori, ripropongo, sintetizzandola, una richiesta di consulto già inserita e accettata ma senza risposta in quanto "scaduta".
Dopo l'asportazione di un nevo sulla gamba sinistra, il referto dell'esame istologico parla di "Nevo composto displastico". Il mio dermatologo ritiene che debba soltanto sottopormi a visita periodicamente. E' un approccio corretto o occorrerebbe fare altro data la natura del nevo?
Grazie per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Di norma nei referti istologici di nevo displastico viene inserita la dicitura "displasia lieve" oppure "moderata" o "severa". In assenza di questi dati non e' possibile dare delle risposte univoche. In genere se la dispasia e' lieve o moderata e' sufficiente fare dei controlli periodici di follow-up. Se la displasia fosse severa forse sarebbe il caso di allargare un po' il taglio dell'intervento per maggiore sicurezza (anche se molti studiosi specie americani non sono tutti concordi su questa decisione). Ne parli con il suo dermatologo.
Dr. Giovanni Piero Recchia

[#2] dopo  
Utente 152XXX

Gentile dottore, ringraziandola per la sua cortese risposta, riporto per intero il referto dell'esame istologico:
- Materiale in esame: Neoformazione cutanea pigmentata margini irregolari gamba sin. (distanza minima 0,5 cm).
- Descrizione macroscopica del materiale in esame: L c di cm 1,5 x 1 con neof pigmentata di 7 mm (a)
- Diagnosi: Il quadro istomorfologico è compatibile con la diagnosi di Nevo composto displastico, cui si associa infiltrato linfomononucleare e melanofagico a carattere regressivo.
Margini indenni.
M-87270

Da quanto ho potuto capire, l'exeresi è stata preventivamente eseguita con margini più ampi.
Aggiungo che l'intervento risale a più di un anno fa e ne ho già discusso con il mio dermatologo (che mi visita ogni 6 mesi). Ma, data la natura del nevo, non sono ancora del tutto tranquillo.
Per il referto che non specifica il grado di displasia è il caso che faccia altro?
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Se l'exeresi e' stata eseguita con margine sufficientemente ampio non c'e'assolutamente nessun problema, a prescindere dal grado della displasia. Pertanto non vedo nessun motivo per doversi preoccupare o per continuare a rimuginare sul problema. Importante che esegua i controlli prescritti come di fatto sta facendo con il suo dermatologo. Non deve fare nient'altro. Cordiali saluti
Dr. Giovanni Piero Recchia

[#4] dopo  
Utente 152XXX

Grazie per la puntuale risposta.
Quindi il margine - da quanto è segnalato sul referto - crede sia sufficiente?
Infine una domanda a carattere informativo generale: la displasia è un fenomeno limitato alla superficie (come dire, "in situ") o nel caso di nevi "composti" è riferibile anche allo strato più profondo (derma)?
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Il margine segnalato e' sufficiente. La displasia si riferisce alle cellule neviche o melanocitarie e quindi normalmente interessa una parte o una zona della formazione nevica, a prescindere che il nevo sia composto, giunzionale o misto. Saluti
Dr. Giovanni Piero Recchia

[#6] dopo  
Utente 152XXX

Sicuramente mi sono espresso male: la displasia, nel caso di un nevo composto, riguarda anche i melanociti del derma o solo la porzione giunzionale? Cioè, detto in parole povere: la displasia è un "movimento anomalo" delle cellule neviche della sola parte superficiale del nevo o di tutto?
Perché, infine, a Suo avviso, l'anatomopatologo non ha specificato il grado di displasia?
Mi scuso anticipatamente per questa ulteriore questione posta. Purtroppo letture in rete e pareri discordanti avuti di recente, mi hanno messo un po' in agitazione.
Grazie per la disponibilità e la chiarezza.

[#7] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Lei scusera', ma e' impossibile discutere con lei in questa sede di concetti come "la displasia cellulare" che richiedono una notevole preparazione medico-scientifica ed anatomopatologica. Consiglio spassionato: eviti di ascoltare o di leggere in rete troppi argomenti al riguardo. Ne va della sua serenita'. Il suo neo non c'e' piu' e questo basta. Ri-saluti.
Dr. Giovanni Piero Recchia

[#8] dopo  
Utente 152XXX

Gentilissimo Dott. Recchia, scusandomi per l'ultima questione posta, la ringrazio cordialmente per la disponibilità, la chiarezza e l'utilità delle sue risposte.

[#9] dopo  
Dr. Giovanni Piero Recchia

24% attività
8% attualità
0% socialità
TRENTO (TN)
CLES (TN)
ROVERETO (TN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
Ringrazio lei per la pazienza avuta nell'ascoltare quanto le ho detto. Un saluto a lei e alla sua bella Puglia!
Dr. Giovanni Piero Recchia