Utente 416XXX
Buongiorno. Premesso che in passato ho sofferto di alcune allergie, soprattutto rossore agli occhi durante i primi mesi estivi, ma non cutanee né riniti.
Un anno e mezzo fa ho deciso di fare un tatuaggio sul braccio sinistro, di colore nero, dopo aver consultato il mio dermatologo che mi ha consigliato di evitare tatuaggi colorati e limitarmi al solo colore nero.
Non ho avuto nessuna reazione dopo il tatuaggio, peraltro di dimensioni modeste, la pelle è guarita rapidamente e dopo due settimane non c'erano nemmeno più croste.
Il 2 gennaio 2019, specificamente sul braccio dove ho fatto questo tatuaggio nel 2017, è comparsa un'orticaria, non sul tatuaggio e nemmeno troppo vicino ad esso. In misura minore si è presentata anche sull'altro braccio. Dopo una remissione spontanea in 48 ore, è ricomparsa di nuovo sul braccio del tatuaggio sempre lontano dal tattoo. Scomparsa nuovamente in 24 ore, ieri si è ripresentata nuovamente anche sulle gambe.
Visto il curante e informato che ad ogni comparsa dell'orticaria si associano disturbi gastrointestinali, il curante ha escluso un'associazione con il tattoo e ha ipotizzato piuttosto una disbiosi intestinale. Mi ha dato un antistaminico da prendere fino a risoluzione della crisi.
Volevo chiedere: è veramente da escludere che sia colpa del tatuaggio? Se fosse causata dal tattoo, l'antistaminico sarà risolutivo?
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

da qui non è possibile ipotizzare la causa di un'Orticaria, la quale può avere molteplici motivi per presentarsi.

Per far questo occorre la visita ed esami strumentali specifici

Ne parli con il suo dermatologo di fiducia

cari saluti
Dr Laino
Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it