Utente 110XXX
Buongiorno, da pochi giorni ho consultato un dermatologo venereologo presso un importante ospedale pubblico della capitale per un problema di condilomatosi.
Dopo aver effettuato la visita, il dottore ha eliminato il condiloma (situato all' interno del meato uretrale) tramite D.T.C e mi ha prescritto la seguente terapia: 1) applicare per 10 giorni Crystacide crema. 2)Assumere per tre mesi l' integratore alimentare bioimmunas (una compressa al giorno). Mi ha invece espressamente vietato l' uso di creme specifiche per il trattamento dei condilomi quali Aldara e Wartec adducendo come motivazione che "Irritano soltanto e non risolvono il problema. Se il condiloma si ripresenta, lo bruciamo di nuovo." (parole sue). Visto che da quanto leggo su numerosi post presenti su questo forum, questa terapia è molto diversa rispetto a quelle che fanno ampio uso di Aldara e Wartec, vorrei sapere se è comunque valida e può dare buoni risultati nel trattamento dei condilomi o se invece è il caso che chiedo un consulto presso un altro dermatologo. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

da questo sito non possiamo certo accreditare o meno linee terapeutiche e comportamentali dei singoli specialisti.

E' invece utile asserire che ogni Venereologo è libero di adottare secondo propria scienza e coscienza, la terapia che ritiene più idonea per il singolo caso;

come parere personale - che non toglie nulla alla libera scelta di ognuno - posso asserire che singoli condilomi possono essere approcciati con le sole terapie ablative (laser CO2 in primis, DTC) ma casi di recrudescenze, o manifestazioni multiple a mio avviso dovrebbero essere seguite da immunoterapie specifiche topiche e aspecifiche sistemiche.

Altri dati utili per la comprensione di questa patologia possono essere reperiti nel personale articolo divulgativo per gli utenti all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

Cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Gentile paziente,
le terapie per affrontare la condilomatori possono essere come quella che ha fatto il collega o con altri metodi, come l'aldara o il Wartec.
L'Aldara è, di fatto un immunostimolante che è efficace pur con delle limitazioni: anzitutto non è utile nei confronti di condilomi floridi (quelli che sembrano dei piccoli broccoli, per intenderci)anzi, veramente è meno efficace, secondo è molto irritante: d'altro canto è fantastico sulle forme maculari eanche micropapulari di condilomatosi. Il Wartec è podofillotossina, sostanza molto tossica (il vecchio Condilyne) che applixcata localmente istrugge il condiloma.
Io, personalmente, se ci sono forme che non siano solo maculari, preferisco prima la distruzione poi aggresione locale con immunostimolanti (non solo i prodotti da lei citati) con buoni risultati. Concludendo, direi che, se ben applicati, tutti i m metodi sono buoni, soprattutto se usati insieme.
Piuttosto, spero che questo suo dermatologo la abbia informata su cosa sono i virus HPV e che sono cancerogeni soprattutto per la donna e che, fino alla guarigione deve avere rapporti protetti ecc. ecc. e che esiste anche la possibilità di un vaccino che parrebbe utile anche per chi ha contratto il virus.

Cari saluti

Mocci
Luigi Mocci MD

[#3] dopo  
Utente 110XXX

Gentili dottori, vi ringrazio molto per le sollecite ed esaurienti risposte che mi avete fornito. Mi sono state molto utili. Grazie

Cordiali saluti