Melanoma exeresi due domande

Gentili Dottori,

vorrei ringraziarvi per il servizio offerto e vorrei poter chiedere una informazione per fugare alcuni dubbi rispetto all'exeresi di un melanoma subita da mio zio di cui mi occupo.





Il referto dell'istologico del primo intervento riporta la lesione maligna in stadio iniziale e compresa nei margini chirurgici.



E' comunque stato predisposto un secondo intervento di "allargamento dei margini".





Vorrei però chiedere due infomrazioni a riguardo:

1) se l'istologico garantisce che la lesione è totalmente contenuta nei margini come mai si allarga l'asportazione?



Vorrei cioè gentilmente capire per curiosità personale se è perché l'istologico può sbagliare e quindi non è effettivamente contenuta tutta.



Insomma mi chiedo solo perché si faccia così e vorrei togliermi da questa mia ignoranza:)
2) è una prassi comune questa preventivata per mio zio o è un caso particolare?





Cordiali saluti
[#1]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 463 493
Gentilissimo

E' una prassi data dalle Linee Guida AGENAS e quelle internazionali

saluti!

Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Gentile Dott. Laino la ringrazio per la sua immensa cortesia nell'avermi dato ascolto.

Vorrei gentilmente chiederle un' ultima cosa:

se l'istologico riporta che "la lesione è totalmente contenuta nei margin"i, come mai si allarga l'asportazione?
Nel senso, ora so che è una linea guida ma vorrei capirne il perchéossia solo chiederLe se è perché l'istologico può sbagliare e quindi non è effettivamente contenuta tutta (cioè alcune cellule esulano dalla prima exeresi)?

La ringrazio se vorrà togliermi da questa ingoranza. Ne sono davvero interessato e sono contento di averla potuta ascoltare. Non la disturberò oltre.

Un cordiale saluto a Lei e tutto il sito.
[#3]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 463 493
Perchè in ogni caso di melanoma correttamente asportato, la prassi osserva che l'allargamento radiale e in profondità (per i melanomi in situ e per i Pt1 è di 0.5 cm) sia utile per scongiurare anche lontanamente la presenza di residui o ripetizioni locoregionali viciniore alla lesione primitiva.

In 22 anni che sto in Dermatologia, non ho mai visto una positività dell'allargamento in caso di completa escissione della lesione primitiva.

saluti
Dr Laino

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

[#4]
dopo
Attivo dal 2021 al 2021
Ex utente
Grazie Dottore.

Non ho altro da chiederle :)
[#5]
Dr. Luigi Laino Dermatologo 21,9k 463 493
In bocca a lupo!

Dr.Luigi Laino Dermovenereologo, Tricologo
Direttore Istituto Dermatologico Latuapelle
www.latuapelle.it

Il melanoma, o cancro della pelle, è un tumore, spesso molto aggressivo, che si sviluppa dalle cellule della pelle che producono melanina (melanociti).

Leggi tutto

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa