Utente 137XXX
Gentili Dottori,
vi scrivo perché sono tremendamente preoccupata, anche se ben consapevole che un consulto on-line non può sostituire il consulto di uno specialista.
Mio marito, di 33 anni, ha recentemente fatto delle analisi del sangue di routine (le fa ogni 2 anni), dalle quali è emerso che emocromo, VES, PCR, creatininemia, transaminasi, calcemia ecc. sono ok, mentre colesterolo e trigliceridi sono ben al di sopra della norma.
Ma la cosa che mi preoccupa è il risultato dell'elettroforesi, dove si legge:
"Il tracciato evidenzia una banda appena percettibile di dubbia natura paraproteinemica; si consiglia eventuale immunofissazione."
Questi i valori del protidogramma:
Proteine totali: 7,5 (Rif 6,0-8,0)
Rapporto A/G: 1,87 (Rif 1,10-1,94)
Albumina: 65,2 (Rif 52,0-66,0)
Alfa 1: 3,4 (Rif 2,8-5,2)
Alfa 2: 7,9 (Rif 6,8-12,5)
Beta: 11,6 (Rif 8,5-14,5)
Gamma: 11,9 (Rif 11,0-20,0)

Ha anche eseguito il dosaggio delle immunoglobuline IgG, IgA ed IgM e sono nei limiti della norma.
Sia il suo medico di famiglia che un amico medico ci hanno detto che, secondo loro, si tratta di un addensamento o di un errore di misura, visto che il referto dice "appena percettibile" e tutti gli altri esami sono ok.
Ho confrontato il grafico con quello di 2 anni fa (che era ok) e la sola differenza è che la seconda banda in zona Beta 2 è un pochino più alta (nell'altro grafico era più bassa della banda in zona Beta 1) e la banda in zona Gamma sembra composta da due collinette, ma è bassissima e le collinette si vedono solo se si guarda il grafico con molta attenzione. Insomma, ben diverso dai picchi in zona gamma che ho visto in alcuni siti, in associazione alla diagnosi di mieloma.
Il medico ha detto che non occorre l'immunofissazione, ma io sono terrorizzata dopo quello che ho detto su internet ed ho "costretto" mio marito a farla. Il risultato arriverà mercoledì e nel frattempo mi rivolgo a voi solo per sapere se ho davvero ragione di essere tanto allarmata o se ho motivi per essere fiduciosa.
Vi ringrazio di cuore anticipatamente.

[#1]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
C'è una netta differenza tra addensamento e picco in gamma. Il primo si presenta come una zona di colore più marcato ma tendenzialmente sfumato, sulla striscia che riporta le varie bande colorate; nel grafico si presenta con una base larga e lieve irregolarità della curva delle gamma. Il picco ,invece, è netto con una netta colorazione della bandina e nel grafico è molto bene rappresentato con una base stretta. I casi di addensamento sono molto frequenti e derivano da tanti fattori, anche forme infettive banali che possono dare un rialzo anticorpale, per esempio; a questo punto aspettiamo i risultati dell'immunofissazione, ma senza alcun allarme.
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 137XXX

Gentilissimo Dottor Baraldi,

innanzitutto la ringrazio per la gentilezza e la celerità della risposta.
Il referto dell'elettroforesi che abbiamo avuto comprende solo il grafico. L'ho scannerizzato e può essere visionato al seguente link:

http://img682.imageshack.us/i/imgy231035400001.pdf/

A me non sembra di vedere un picco, ma solo una lieve irregolarità nella curva. Però, non essendo un medico, non sono in grado di giudicare.
Secondo lei abbiamo ragione di temere un mieloma oppure, come ci hanno detto, visti gli altri risultati è un'ipotesi da escludere?

La ringrazio di nuovo e la saluto cordialmente.

[#3]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
Signora, ho visionato e zoomato il grafico e le posso dire che si nota soltanto una lievissima irregolarità della curva , niente a che vedere con un picco del mieloma. Di situazioni di questo tipo ve ne sono tantissime; sarebbe stato interessante visionare anche la bandina colorata per vedere se presente addensamento. Su queste basi non parlerei assolutamente di mieloma ( molto rari i casi di mieloma non secernente ); aspettiamo comunque gli ulteriori esami, ma con tranquillità.
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 137XXX

Gentilissimo Dottor Baraldi,
la ringrazio di cuore, mi ha veramente tranquillizzata.
Secondo lei, dunque, non è presente nessuna componente monoclonale, ma eventualmente un semplice addensamento?
Oppure il grafico è compatibile con la presenza di una, seppur modesta, componente monoclonale?

Attenderemo, comunque, l'esito dell'esame con uno spirito ben diverso.
Grazie infinite per le sue risposte e la sua estrema disponibilità.

[#5]  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2006
A parer mio, sulla base del grafico, non è presente monoclonalità, al massimo addensamento. Aspettiamo , cmq, gli ulteriori esami, ma, ripeto, con tranquillità.
Un saluto

A. Baraldi

[#6] dopo  
Utente 137XXX

L'esito dell'esame è arrivato questa mattina e ne approfitto, a chiusura della nostra conversazione, per confermarle che (cito testualmente): "l'indagine elettroforetica eseguita mediante immunofissazione su agarosio ha evidenziato l'assenza di picchi riconducibili a bande paraproteinemiche."

La ringrazio della competenza, della gentilezza e della sollecitudine nelle risposte. E' stata veramente apprezzata. Le auguro una buona giornata.