Utente 288XXX
Gentile dottore, sono alla 27a settimana di gestazione e sto assumendo cardioaspirin dopo 2 aborti alla 5a settimana, positività agli anticorpi anticardiolipina (valore 28) e antibeta2 (26) e mutazione in eterozigosi del fattore mthfr. Il mio ginecologo dice di continuare la cura anche oltre la 30a settimana di gestazione ma ho saputo che potrebbe essere rischioso per la chiusura del dotto di Botallo. C'è una cura alternativa che eventualmente potrei fare senza grossi rischi?proseguire con l'eparina ha lo stesso effetto?ho sentito dire che non arriva al feto e che quindi non lo protegge molto dal rischio di trombosi. Ho un ematologo che mi segue ma devo consultarlo tra un mese dopo i controlli delle analisi, chiedo il suo consiglio per stare più tranquilla e informata sulle possibili cure. La ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
L'eparina deve svolgere la sua azione nel prevenire eventuali microtrombosi placentari che possono essre causa di aborto, quindi non per un'azione diretta sul feto. Detto questo la terapia si avvale sia dell'eparina che dell'aspirina ma la valutazione riguardo all'utilizzo dell'una o dell'altra spetta al suo ginecologo che la conosce direttamente . Io, ma è soltanto il mio parere personale, preferisco l'eparina
Un saluto

A. Baraldi