Utente 417XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 18 anni e due giorni a questa parte ho notato un rigonfiamento sotto l' ascella sx (se può essere utile io sono mancino e faccio maggior uso di questo braccio). Inizialmente era percepibile solo al tatto e leggermente fastidioso ma nel giro di questi due giorni si è ingrossato e mi fa male sia quando muovo il braccio (alzandolo o avvicinandolo al petto) sia premendo ( il dolore diventa più intenso se premo). Al tatto è abbastanza duro ma non ha una superficie irregolare. Ho già avuto poco tempo fa episodi di linfonodi reattivi sul collo a causa di bronchiti e raffreddori, ma sia dagli esami del sangue, sia dalle ecografie e dalle varie visite specialistiche i risultati sono stati tutti rassicuranti. Il chirurgo che mi ha visitato ha detto di stare tranquillo perché i linfonodi reattivi erano innocui e non c'era da preoccuparsi. Questa volta mi sono preoccupato perché questo rigonfiamento mi provoca dolore mentre i precedenti no ed inoltre sembra avere dimensioni maggiori. Ho letto che potrebbe essere più probabilmente un' infiammazione alla ghiandola sudoripara (premetto che non faccio uso di deodoranti o detergenti aggressivi per la cute). Non ho nessun altro sintomo e conduco uno stile di vita sano non fumo e non faccio uso di alcool inoltre non soffro di nessun tipo di allergia. Non so se si tratta di un linfonodo ingrossato a causa di un' infiammazione o della ghiandola sudoropara o di qualcosa di più serio. Ringrazio cordialmente sperando in una risposta.

[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
12% attualità
16% socialità
MODENA (MO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gentile signore appare verosimile che sia una idrosoadenite, ovvero una infiammazione di una ghiandola sudoripara. si faccia vedere dal medico perchè se confermato bisogna mettere una pomata antiinfimmatoria per evitare che si laceri e fuoriesco l'ascesso (se c'è). può mettere della pomata salicilata al 10% (la trova in farmacia) due o tre volte al giorno fino alla scomparsa del nodulo. si faccia però vedere dal suo medico. cordialmente
Prof.Giorgio Enrico Gerunda Direttore Clinica Chirurgica- Chirurgia Epato Bilio Pancreatica e Gastrointestinale Policlinico di Modena

[#2] dopo  
Utente 417XXX

Molte grazie per la risposta seguirò quanto da lei detto, arrivederci