Utente 523XXX
Salve, scrivo perché ho bisogno di un consulto urgente e non so a chi rivolgermi. Da circa tre anni, ho la prolattina alta (valore 861), soffro di iperinsulinismo da quando avevo 13 anni ( oggi ne ho 22 e prendo due compresse di metformina 500 al dì) e sempre da circa tre anni ho scoperto di avere la tiroidite;inoltre, dal primo menarca della mia vita ho avuto sempre il ciclo irregolare, con periodi di amenorrea.Dopo diverse analisi, la settimana scorsa ho effettuato la risonanza magnetica con contrasto all'ipofisi, dalla quale risulta un adenoma ipofisario di 2 mm collocato nella parte destra prolattina secernente. Adesso I dubbi sono tanti.. Innanzitutto, può essere quest'ultimo a causare tutti gli altri problemi ormonali e anche frequenti emicranie nelle quali sento fastidio anche all'occhio destro? A chi devo rivolgermi per risolvere questo problema, considerando che a Reggio Calabria, la città nella quale vivo, non ho trovato la figura di neuroendocrinologo? Ho sentito parlare del Bersta di Milano, ma prima di andare lì preferirei rimanere vicino casa recandomi magari al policlinico universitario di Messina.
In attesa di una risposta,che spero possa chiarirmi qualcosa, vi ringrazio anticipatamente. Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Enrico Riccio

24% attività
4% attualità
4% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2018
Gentile Utente,

Sicuramente l'adenoma ipofisario prolattino-secernente, visti anche i livelli importanti di prolattina, è la causa dei suoi problemi mestruali. Non trovo invece un collegamento con l'insulino-resistenza e la tiroidite. Sono problemi diversi.
L'adenoma da come lo riporta è davvero minuscolo ed è difficile pensare che sia queata la causa delle cefalee che lamenta.
Ad ogni modo questo tipo di adenoma è trattabile nella maggior parte dei casi con una terapia farmacologica.
Potrebbe tranquillamente essere seguita da un semplice endocrinologo, senza ricercare figure iperspecialistiche.

Cordiali saluti.
Dr. Enrico Riccio

[#2] dopo  
Utente 523XXX

Grazie mille per la risposta. Il mio medico curante mi ha suggerito di ricercare un iperspecialista, per questo mi stavo informando, però probabilmente è il caso di ascoltare un endocrinologo come mi suggerisce lei. Grazie ancora, cordiali saluti.