x

x

Malattia da reflusso gastro-esofageo: come procedere?

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Egregi Dottori,
scrivo come da titolo per avere delle informazioni e dei consigli riguardo a questo mio problema.
Sin da piccolo ho sofferto di reflusso e ora sinceramente ho 2 pensieri ricorrenti:
1) l'eventuale aggravarsi della situazione
2) la volontà di vederci più chiaro delle semplici parole tirate sempre in ballo

Capisco di non essere il tipico soggetto a rischio complicanze (forse), ma a 21 non sono neanche più un ragazzino, per cui il fatto che si verificano episodi in cui sto male, unito al fatto che conosco la patologia e ciò che le è correlato, genera in me la volontà di andare oltre: non è quindi il caso di procedere con esami strumentali, così da mettere nero su bianco la mia situazione? Nessuno finora, neanche il mio medico di base, si è mostrato propenso ad indagare in questo senso, ma il mio senso di inquietudine e di insoddisfazione è grande.
E allora cosa devo fare? Una gastroscopia o che altro?

Attendo una Vostra risposta e Vi ringrazio anticipatamente.
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69,3k 2,2k 88
Nei soggetti giovani di norma si prescrive un ciclo di terapia e solo in caso di inefficacia si decide per la gastroscopia. Comunque la decisione viene dopo una visita specialistica dal gastroenterologo.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
Ecco, infatti io non ho mai fatto una visita specialistica.
Mi sa che è una mancanza da colmare vero?

Il "ciclo" di terapia è consistito nel trattamento con IPP per una settimana se non sbaglio, prescritti alla luce di problemi persistenti. Ora cosa dovrei fare: prendermi una compressa di rabeprazolo (mi è capitato di dover prendere anche domperidone) quando sto male?
Oppure mi conviene "convincere" il mio medico di base a prescrivermi una visita gastroenterologica?

La ringrazio ancora
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69,3k 2,2k 88
La terapia per una settimana è ben poco. Si procede per almeno 45-60 giorni. E' necessario quindi che ne riparli con il suo medico o meglio ancora che si faccia valutare dal gastroenterologo.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Dr. Cosentino la ringrazio e nel caso, ritornerò su questa discussione...

Cordiali Saluti

Il reflusso gastroesofageo è la risalita di materiale acido dallo stomaco all'esofago: sintomi, cause, terapie, complicanze e quando bisogna operare.

Leggi tutto